Prima o poi doveva succedere e ora la notizia è ufficiale: andiamo incontro alla più grande rivoluzione del tessile degli ultimi 40 anni. Il cosiddetto “fashion system” per come lo abbiamo conosciuto fino ad oggi sarà stravolto e tutto il comparto dovrà affrontare nuove sfide. Il cambio di paradigma non lo faranno gli stilisti né i grandi gruppi bensì i consumatori di domani. La notizia che già su Youtube circolano dei video nei quali i giovanissimi si danno istruzioni su come staccare l’etichetta delle griffe dai vestiti senza rovinarli dà tutta la portata della rivoluzione che sta avvenendo.

Testate come Wall Street Journal e Time, riporta La Stampa, concordano sul fatto che: “Ai millennials di tutti i brand che facevano impazzire i loro genitori non importa proprio nulla. Pensano che ci siano modi migliori di spendere i soldi che pagare in modo spropositato una maglietta griffata solo per crearsi uno status apparente, che non risolve nessuno dei loro problemi”.  Ai giovanissimi non interessa insomma “appartenere a un club la cui tessera di riconoscimento è una griffe”. Tutta un’epoca basata sull’apparire, la vendita di illusioni e l’ostentazione di beni effimeri, nella quale taluni erano disposti a indebitarsi pur di sfoggiare “la griffe” sembrerà un vecchio retaggio, un atteggiamento superato, spazzato via da una generazione il cui obiettivo è valorizzare la propria unicità, addirittura auto-producendosi o personalizzando i capi.

Grandi case come Abercombie, Polo Ralph Lauren e American Eagle hanno già cominciato a ridurre le dimensioni del logo sui capi, fino a renderlo invisibile. Ma a quel punto come sarà poi possibile giustificare certe cifre con cui la voce “marchio” viene messa a bilancio e su cui da decenni si compiono le più spericolate operazioni finanziarie?

Ciò che risulta giunto al capolinea è l’enfasi pubblicitaria legata al brand, quel totem che per decenni ha giustificato l’aumento sconsiderato dei prezzi anche di 20 o 30 volte il valore reale dei capi. Mentre diverrà sempre più centrale la qualità del prodotto, il rapporto qualità/prezzo, la possibilità di personalizzazione dei singoli abiti o accessori, la capacità di intercettare i gusti dei consumatori in un rapporto diretto con loro. Sono segnali positivi, personalmente ritengo si tratti di un importante salto di qualità anche sul piano sociale e culturale.

In collaborazione con Alox Media

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trump, Melania veste Ralph Lauren: così la First Lady s’ispira a Jackie Kennedy

next
Articolo Successivo

Settimana della moda Milano, posti a sedere alle sfilate all’asta online (a fin di bene)

next