Luca Odevaine
Luca Odevaine

In mano ad un’altra cooperativa vicina agli ambienti moderati è anche il Cara di Foggia, finito sotto indagine da parte del Viminale, dopo un’inchiesta dell’Espresso sulle condizioni riservate ai migranti. A gestirlo è Senis Hospes, coop cattolica consorziata di Sisifo, che come abbiamo visto ha in mano il Cara di Mineo. Anche Foggia è un affare per le coop: fino all’agosto scorso, infatti, il Cara pugliese ospitava 1.400 richiedenti asilo. Considerato che per ogni ospite lo Stato rimborsa a Senis Hospes con 22 euro, la coop incassa in pratica 30 mila e 800 euro al giorno, 924 mila al mese, 11 milioni all’anno. Ma Foggia non è l’unica città in cui opera Senis Hospes, che negli anni ha amministrato anche 7 Cpa e 15 strutture Sprar sparse dalla Calabria: in totale ogni giorno gestisce l’accoglienza di circa 7 mila migranti. È in questo modo che la coop ha moltiplicato il suo fatturato in tre anni: nel 2012 era di 3 milioni di euro, nel 2014 ha raggiunto i 15 milioni mentre i dipendenti sono saliti da 109 a 253.  Un vero impero che nel 2013 ha cominciato a foraggiare i conti del Pdl staccando un assegno da 15 mila euro, donati al partito dal quale si sarebbe in seguito staccata la componente di Alfano.

La coop è tra le vincitrici della gara per la gestione di 1.428 immigrati a Treviso: un appalto da 17 milioni

Sono invece 5 mila gli euro donati personalmente a Maurizio Lupi – che sarebbe poi passato proprio con Alfano nel Ncd – dal presidente di Senis Hospes Camillo Aceto, ex vicepresidente di un’altra coop vicina a Comunione e Liberazione, e cioè La Cascina. Anche nel caso della società coinvolta nell’inchiesta sul Cara di Mineo si segnalano donazioni nei confronti dei partiti politici, come i 10 mila euro destinati al Partito democratico romano. O come i 5 mila elargiti sempre a Lupi da Salvatore Menolascina, amministratore delegato della coop, che ha patteggiato una condanna a 2 anni e mezzo dopo essere stato coinvolto nell’inchiesta su Mafia capitale. Finito? Ma neanche per idea. Alla lista si unisce la Domus Caritatis che ha donato 10 mila euro a Forza Italia e che ha visto il suo vicepresidente, Tiziano Zuccolo, finire coinvolto nell’inchiesta sul Mondo di Mezzo. Poco male perché anche nel 2016, e cioè dopo l’inchiesta della procura di Roma, la coop ha ricevuto l’affidamento  di 50 migranti dalla prefettura di Teramo e di altri 118 dalla prefettura di Lecco, mentre risulta tra le vincitrici della gara per la gestione di 1.428 immigrati a Treviso: un appalto che vale circa 17 milioni di euro. D’altra parte a spiegare agli inquirenti il valore del business dei centri d’accoglienza era stato a suo tempo – con una descrizione un pelino colorita – lo stesso Salvatore Buzzi. “Hai idea quanto ce guadagno sugli immigrati? – diceva intercettato  l’ex boss della coop 29 giugno – Il traffico di droga rende meno, molto meno”. E soprattutto non porta in dote neanche un voto.

Twitter: @pipitone87

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terrorismo, espulso tunisino in contatto con estremista legato all’attentatore di Berlino Anis Amri

prev
Articolo Successivo

Il compagno della Bolognina che vota Lega e M5s: “Su povertà e sicurezza la sinistra non esiste più”

next