“Il referendum sull’articolo 18 bocciato dalla Corte per colpa del quesito? Vedo che le tesi di Ichino fanno scuola, ma non è così. Noi abbiamo rispettato le norme”. Ai microfoni de ilfattoquotidiano.it, la segretaria della Cgil Susanna Camusso smentisce che lo stop della Consulta a uno dei tre referendum sociali sia dovuto alla costruzione del testo e del rischio che ci fossero elementi propositivi, con l’eventuale estensione della reintegra. “Aspetteremo di leggere le motivazioni, poi daremo la nostra valutazione”, ha aggiunto Camusso. Per poi aggiungere che sui licenziamenti il sindacato sta valutando un possibile “ricorso alla Corte europea”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vice Italia licenzia 6 dipendenti. L’ad: “Sono solo 3. Ristrutturazione necessaria a causa della precedente gestione”

next
Articolo Successivo

Referendum Jobs act, Camusso: “Voucher? Da azzerare. Governo fissi la data del voto”

next