“Il referendum sull’articolo 18 bocciato dalla Corte per colpa del quesito? Vedo che le tesi di Ichino fanno scuola, ma non è così. Noi abbiamo rispettato le norme”. Ai microfoni de ilfattoquotidiano.it, la segretaria della Cgil Susanna Camusso smentisce che lo stop della Consulta a uno dei tre referendum sociali sia dovuto alla costruzione del testo e del rischio che ci fossero elementi propositivi, con l’eventuale estensione della reintegra. “Aspetteremo di leggere le motivazioni, poi daremo la nostra valutazione”, ha aggiunto Camusso. Per poi aggiungere che sui licenziamenti il sindacato sta valutando un possibile “ricorso alla Corte europea”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Vice Italia licenzia 6 dipendenti. L’ad: “Sono solo 3. Ristrutturazione necessaria a causa della precedente gestione”

next
Articolo Successivo

Referendum Jobs act, Camusso: “Voucher? Da azzerare. Governo fissi la data del voto”

next