Bocciato dalla Corte Costituzionale il quesito sull’articolo 18, restano in vita gli altri due referendum sociali proposti dalla Cgil, in tema di appalti e soprattutto sui voucher. Per la segretaria della Cgil Susanna Camusso non bastano le modifiche evocate in Senato dal ministro del Lavoro Giuliano Poletti: “Chiederemo tutti i giorni al governo di fissare la data del voto. Oggi parte la nostra campagna elettorale. Perché i voucher vanno abrogati: uno strumento malato resta malato. Non bastano i possibili correttivi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jobs act, quesito art. 18 bocciato. Camusso: “Colpa del testo? No, abbiamo rispettato le norme”

next
Articolo Successivo

Jobs act, Poletti: “Quesito bocciato? Positivo che la riforma rimanga in vigore”

next