Bocciato dalla Corte Costituzionale il quesito sull’articolo 18, restano in vita gli altri due referendum sociali proposti dalla Cgil, in tema di appalti e soprattutto sui voucher. Per la segretaria della Cgil Susanna Camusso non bastano le modifiche evocate in Senato dal ministro del Lavoro Giuliano Poletti: “Chiederemo tutti i giorni al governo di fissare la data del voto. Oggi parte la nostra campagna elettorale. Perché i voucher vanno abrogati: uno strumento malato resta malato. Non bastano i possibili correttivi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jobs act, quesito art. 18 bocciato. Camusso: “Colpa del testo? No, abbiamo rispettato le norme”

next
Articolo Successivo

Jobs act, Poletti: “Quesito bocciato? Positivo che la riforma rimanga in vigore”

next