Un finto esordiente con un nome fittizio. Un romanzo intimista mascherato da noir contemporaneo. Roma attraversata dalla Senna e Parigi attraversata dal Tevere. È un susseguirsi di piacevoli depistaggi narrativi Non è tutta colpa del pipistrello, di Fabien C. Droscor (Robin Edizioni), pseudonimo in odor di anagramma di Francesco Bordi, direttore editoriale della celebre rivista Culturalismi, nonché ghost-writer provetto. Si tratta di una storia che deve molto al potere dell’immagine massmediatica del cinema mainstream, alla quotidianità del precariato nazionale e alle capacità persuasive che libri, film e canzoni possono avere sulle nostre vite.

I divertenti personaggi che percorrono le pagine di questo vivace e ben scritto romanzo sono: una sorta di hikikomori capitolino, che trangugia cibo spazzatura, incapace di adeguarsi alla depressione caspica contemporanea, una femme fatale dai nervi tesi e dalla sensualità prorompente, ossessionata dall’attore Christian Bale nella sua virile interpretazione di Batman, un’emigrante pugliese giunta a Roma per immergersi nelle corsie e nelle scaffalature cartacee della libreria in cui lavora. Francesco Bordi, prendendo a prestito dal suo background culturale e itinerante riesce a costruire una storia che non ha cadute, in cui il ritmo e lo stile vanno di pari passo verso un finale affatto scontato.

Non lo saprà nessuno, di Anna Francesca Vallone (Aliberti Compagnia Editoriale), è una storia tutta al femminile, che investiga sul sottile legame tra amore e amicizia e sui difficili rapporti che si instaurano durante l’adolescenza. Bianca ha tredici anni e tutte le estati trascorre le vacanze nella cittadina calabrese di Tropea. Qui conosce Lisa, di tre anni più grande, e tra loro inizierà una relazione fatta tutta di scoperte, psicologiche e fisiche, che porterà le due ragazze a mettersi in discussione, a ferirsi e a separarsi. La scrittura di Anna Francesca Vallone è semplice, mai ricercata. Il testo, leggibile e utile soprattutto a un pubblico giovane, mette in luce problematiche generazionali comuni, ma che spesso gravitano nelle zone d’ombra della crescita individuale.

Il tema del doppio è al centro di Ieri ha chiamato Claire Moren, di Giuseppe Aloe (Giulio Perrone Editore). Enea, imprigionato per un omicidio che non ha commesso, quello della sua amante, una volta scarcerato va a vivere su un’isola dove incontra un anziano cacciatore di nazisti in cerca di una delle figure più importanti del movimento.

Tra i due nasce un rapporto confidenziale, rapporto raccontato attraverso una prosa asciutta che racconta passato e presente, dipana falsi sospetti, mette in luce scenari intimi inquietanti, cancella la sottile linea tra bene e male. Giuseppe Aloe scrive un testo elegante e inusuale, capace con tratti secchi di scandagliare l’animo umano con tutti i suoi controsensi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Vegetariana e Orfanzia, quando la letteratura si interroga su ruolo e rifiuto del cibo

next
Articolo Successivo

Da Sciascia a Pirandello, l’arte di scomparire per divenire immortali

next