Unicredit chiede al cliente somme non dovute. E in tribunale non è disposta a transare. Così viene condannata a Torino per lite temeraria: per il giudice Cecilia Marino l’istituto di credito è infatti in difetto per non essersi reso “disponibile ad alcuna conciliazione, nonostante l’esito della causa”, come si legge nella sentenza 5795 pubblicata lo scorso 30 novembre. E’ questo l’epilogo di una storia iniziata nel 2012 che vede protagonista la società Metal Plast, correntista di Unicredit sulla base di un contratto datato 1994.

Secondo l’istituto di credito, la Metal Plast è morosa e per questo la banca chiede e ottiene un decreto ingiuntivo che la condanna a pagare la somma di 91mila euro. Una cifra importante che deriva da uno scoperto di conto di poco inferiore a 50mila euro. Ma per la Metal Plast la somma non è dovuta. Di qui la decisione di fare opposizione al decreto ingiuntivo. Per valutare il da farsi, il Tribunale di Torino si avvale della consulenza tecnica d’ufficio la cui perizia ribalta la situazione. Secondo il ctu, infatti, non solo la Metal Plast non deve nulla alla banca, ma anzi è creditrice nei confronti dell’istituto di 124mila euro, cifra dovuta anche per effetto di anatocismo bancario. Nonostante la perizia, Unicredit non ritiene opportuno transare. Così, con sentenza, il giudice non solo revoca il decreto ingiuntivo contro la Metal Plast, ma stabilisce anche che il suo saldo di conto corrente è positivo per 124mila euro e condanna Unicredit per lite temeraria (30mila euro) oltre al pagamento delle spese legali (più di 25mila euro).

“Di fronte alla schiacciante perizia del consulente tecnico d’ufficio, la banca non ha voluto transare – spiega l’avvocato Sabatina Mogavero, che ha difeso le ragioni della Metal Plast. Uno degli aspetti più rilevanti di questa sentenza è senza dubbio il fatto che l’istituto di credito è stato condannato per una condotta ben lontana dai criteri di “correttezza, lealtà e trasparenza” che invece dovrebbero essere alla base del rapporto fra la banca e il cliente”. Un fatto grave nel momento in cui la fiducia degli italiani verso il sistema bancario vacilla.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alitalia, manca l’ispettore Enac che deve vigilare sulla sicurezza a Fiumicino. Addio controlli su manutenzione e personale

prev
Articolo Successivo

Monte dei Paschi, quella minaccia del fondo salva banche ritirata solo dopo l’intervento del governo

next