ISIS E’ IL PASSATO. IL FUTURO? GLI SCONTRI SETTARI

ali-eyal-120Ali Eyal. Baghdad, Iraq
Da Mosul, dove oggi esercito iracheno e peshmerga combattono casa per casa per liberare definitivamente la città dall’Isis, Abu Bakr Al Baghdadi aveva mostrato il suo volto e annunciato la nascita del Califfato. Per molti, è lì che si gioca il futuro dello Stato Islamico, e del Paese. “All’inizio del 2015 l’Isis era davvero un problema – sostiene Ali Eyal da Baghdad – perché era arrivato a pochi km da qui. Mentre oggi il problema vero sono tutte le forze che lo combattono: hanno ricevuto le armi, ora chi gliele toglie?”.

 

sajjad-abbas-120Sajjad Abbas. Sadr City, Iraq
A Sadr City gli ambulanti vendono per strada divise militari. La legge lo vieta, ma le autorità non fanno nulla: chiunque abbia un fucile può comprare una mimetica, affiliarsi a questo o quel gruppo paramilitare e mettersi a combattere. O a decidere il destino della gente: “Qui, per trovar lavoro, devi affiliarti a qualche milizia. devi prenderne la tessera”, dice Sajjad, che lavora in una emittente tv. I cortei, le manifestazioni, i sogni di cambiamento non bastano più: “Bisogna fare qualcosa per andarsene“.

 

assad-younes-120Assad Younes. Aleppo, Siria
Ad Aleppo est c’è poca scelta, quasi impossibile fare i bagagli e andarsene. Non tutti moriranno, ma tutti partono dal presupposto che accadrà da un momento all’altro. L’unico modo per sopravvivere alla mancanza di futuro è pensare al futuro. Quello di chi resterà in vita: “Non sappiamo se c’è un domani, qui – sospira Assad Younes – nel caso in cui arrivasse, non sappiamo se saremo ancora vivi: per questo sacrifichiamo le nostre vite per chi verrà dopo di noi. Nessuno dovrà vivere quello che la mia generazione sta affrontando”.

INDIETRO

Avere 20 anni ai tempi dell’Isis – La vita tra le autobombe: ‘Il Califfato è il passato. Il futuro? Una nuova guerra di religione’

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, poliziotto su Facebook: “Melania Trump parla bene, Michelle Obama sciolta nella lingua del ghetto”. Licenziato

next
Articolo Successivo

India, deraglia un treno: più di 100 morti e oltre 220 feriti

next