Ali Eyal, 22 anni, vive nel centro di Baghdad. Pochi km a nord est, a Sadr City, Sajjad Abbas, 23 anni, cerca nell’arte un modo per dare senso al caos. Dani Qappani, 28 anni, ha appena lasciato Mohadamyeh, dove è nato e cresciuto sopravvivendo a un lungo assedio. Da Aleppo est, dove 300 mila persone vivono sotto i bombardamenti, Assad Younes, 20 anni, manda le foto che lo ritraggono ancora forte, prima delle ferite che gli hanno fiaccato il corpo e l’animo. Non ricordano l’infanzia, né l’adolescenza. La loro dimensione è un presente esteso, un acquario in cui il tempo è scandito dai fischi dei colpi di mortaio che piovono dal cielo.

Abbiamo scelto le storie di quattro giovani per raccontare Siria e Iraq attraverso i loro occhi. Per capire cosa significa avere 20 anni ai tempi dell’Isis. In due mesi di contatti telefonici a singhiozzo, abbiamo capito che i soldati di Abu Bakr Al Baghdadi disseminati nelle loro città non sono più il loro problema. Come avevano fatto i loro padri e i loro nonni – in un disperante eterno ritorno che scandisce la Storia di Siria e Iraq- anche Ali, Sajjad, Dani e Assad devono vedersela con la confessionalizzazione della politica e la sua materializzazione concreta, le autobombe che ogni giorno fanno decine di morti e annunciano il domani: quello degli scontri settari in cui i due Paesi rischiano di precipitare dopo la fine dell’incubo chiamato Stato Islamico.

Avere 20 anni ai tempi dell’Isis – La vita tra le autobombe: ‘Il Califfato è il passato. Il futuro? Una nuova guerra di religione’

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, poliziotto su Facebook: “Melania Trump parla bene, Michelle Obama sciolta nella lingua del ghetto”. Licenziato

next
Articolo Successivo

India, deraglia un treno: più di 100 morti e oltre 220 feriti

next