Leoluca Orlando dice no al Capodanno con Gigi D’Alessio a Palermo. Il classico concerto in piazza dell’ultimo dell’anno sembrava cosa fatta: il sindaco e il cantante ne discutevano da mesi. Cifre e accordi decisi verbalmente oppure via messaggio, ma mai trasferiti nero su bianco. Adesso è saltato tutto e Orlando parla di un equivoco: “Quando Gigi diede la disponibilità, ne fui felice. Ma doveva essere chiaro che non si può prescindere da un bando pubblico. Qualcuno pensa davvero che io possa fare un contratto senza bando?” Stizzita la replica di D’Alessio: “Che gara devi fare? Con chi? Mediaset ce l’abbiamo solo noi. Palermo sarebbe stata il capodanno italiano”.

Le incomprensioni che hanno portato ad annullare la kermesse da 1 milione di euro, con le telecamere di Mediaset pronte a trasmettere l’evento in diretta tv, partono da lontano. I primi contatti tra il cantante napoletano e il sindaco di Palermo risalgono a 6 mesi fa. “Nei primi messaggi in primavera lui era felicissimo – racconta D’Alessio al Corriere della Sera riferendosi ad Orlando – lo ha ridetto ad agosto, durante un mio concerto”. Poi, secondo la versione di Gigi, un altro messaggio: “Guarda che dai tuoi uffici non ho saputo più nulla“. E la risposta del sindaco: “Pensavo fosse già tutto a posto”. Evidentemente non tutto era davvero a posto, perché serviva appunto un bando pubblico. E ora il primo cittadino cerca la via della riappacificazione: “Carissimo Gigi, Sono rammaricato… – scrive in un messaggio –  Spero di avere la possibilità di incontrarti per spiegarti complicazioni e vincoli di chi come ha ruoli istituzionali e opera in terreni minati“. Ma il cantante sta già pensando ad un capodanno alternativo, magari fra i terremotati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Barack Obama, il presidente uscente in quindici (bellissime) foto

next
Articolo Successivo

Meghan Markle, il principe Harry difende al fidanzata dall’ondata mediatica di “abusi e molestie”: “Non è un gioco, è la loro vita”

next