Un regalo per il bambino che è in noi, ma anche per i bambini veri e per tutti coloro che amano i cartoni Disney e le indimenticabili colonne sonore di evergreen come Cenerentola, Gli Aristogatti, Lilli e il vagabondo, Il libro della giungla e molti altri ancora: Jazz loves Disney, l’album distribuito in Italia dall’etichetta Verve, che vede, fra gli altri, artisti del calibro di Jamie Callum e Gregory Porter impegnati nella rilettura di brani famosissimi e meno noti, ma tutti indissolubilmente legati ai cartoni.

cover_675Si comincia e si finisce con due canzoni diventate a tutti gli effetti standard jazz: Everybody wants to be a cat da Gli Aristogatti (Tutti quanti voglion fare il jazz, nella versione italiana) cantata da Jamie Callum, e Someday my prince will come, da Biancaneve, già ripresa da Bill Evans e Miles Davis e qui cantata, in francese, dalla canadese Nikki Yanofsky.

Ma tutto l’album è godibilissimo: la voce calda di Gregory Porter rievoca When you wish upon a star, pezzo forte di un peraltro debolissimo Pinocchio disneyano (la cantava il grillo parlante), mentre è solo orchestrale (Rob Mounsey Orchestra) la versione di A dream is a wish your heart makes (I sogni son desideri) da Cenerentola.

“Disney è l’infanzia di tutti, ma anche la nostra età adulta: crescendo, ci si rende conto di quanto la musica dei suoi cartoni ci abbia influenzato” dice China, figlia d’arte (sua mamma è Dee Dee Bridgewater) che ha nel cuore la dolce Sirenetta ma qui si trasforma nella super sexy Jessica Rabbit in Why don’t you do right: “La canzone di una donna che dice la verità a un uomo”. Gli artisti chiamati a calarsi nei diversi personaggi Disney si sono palesemente divertiti, e perfino un po’ commossi, in questo ritorno all’infanzia: “Ci sono un sacco i film Disney che amavo da bambino e che ancora sono nel mio cuore, ma Il libro della giungla è senz’altro il mio preferito – dice per esempio Raphael Gualazzi, l’unico italiano della compilation e interprete di due delle dodici tracce – Sono quindi onorato di condividere con Melody Gardot, una delle voci più importanti delle ultime generazioni, Bare necessity, l’inno dell’orso Balù”. Il Libro della giungla è il cartone preferito anche da Gregory Porter perché “c’è un sacco di jazz, blues e soul!”. Ci bastan pochi spiccioli, lo stretto indispensabile…, oh yeah!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Random Clockwork: elettronica, rock e casualità

next
Articolo Successivo

Tiziano Ferro, il nuovo singolo Potremmo Ritornare? Se queste sono le premesse dell’album, caro Tiziano, caschiamo proprio male

next