“Perché chiamavo ‘grande capo’ Salvatore Buzzi? Per rispetto nei confronti di una persona più anziana di me e capo di una cooperativa che io ho sempre ritenuto la più importante del centro-sud. Il mio era un modo rispettoso di rivolgermi a una persona più grande”. E’ la reiterata risposta che la deputata Pd Micaela Campana ha fornito ai magistrati del processo “Mafia Capitale” per spiegare il suo noto sms al presidente della Cooperativa 29 giugno, Salvatore Buzzi, in risposta al messaggio di quest’ultimo, che la sollecitava a fare un’interrogazione parlamentare in suo favore. A domanda più precisa del pm Tescaroli, la parlamentare svicola, guadagnandosi un monito del magistrato: “Scusi, onorevole, lei è persona brillante, quindi credo che abbia compreso il senso della mia domanda. In relazione a questa interrogazione parlamentare, vi siete sentiti, ne avete parlato?”. “Che io ricordi no. Il Pd non ha più fatto questa interrogazione” – risponde Campana – “Fu poi il M5S a presentarla“. La presidente del collegio giudicante insiste col chiedere lumi sulla natura affettuosa di quel sms e di quell’appellativo. La parlamentare dem non cede e ribadisce la sua motivazione. “Lei ricopre un ruolo istituzionale” – obietta il pm – “e si esprime in questo sms con un atteggiamento di soggezione rispetto a un imprenditore. Questo è il punto”. “Non era soggezione o sottomissione” – ripete Campana – “Era rispetto nei confronti di una persona più grande di me e io tendenzialmente sono una persona rispettosa verso chi è più grande di me”. Tranchant la replica del giudice Ianniello: “Scusi, ma una volta il rispetto si esprimeva dando del ‘lei’ alle persone più anziane. Lei invece dà del ‘tu’ a Buzzi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Frode fiscale, Diana Bracco condannata a due anni dal Tribunale di Milano

prev
Articolo Successivo

“Il vescovo chiedeva sesso a chi aveva bisogno di soldi. E diceva: ‘Fammi gustare la natura di Dio'”

next