“Volevo che la mia forza e la voglia di vivere arrivassero a tutti coloro che si sottopongono alla chemioterapia. Non tutti hanno come me la fortuna di avere tantissimi amici che li sostengono. Ci sono persone sole, e c’è chi si rifugia nella depressione, chi smette di lottare. Guarire si può, ma deve esserci soprattutto la nostra volontà a sconfiggere il male e arrivare vincitori alla meta. È difficile, lo so, ma possiamo e dobbiamo provarci”. Sono parole di lotta e di speranza quelle usate dalla giornalista Rita Fantozzi per raccontare la sua battaglia contro il cancro. Un anno di chemioterapia, di stravolgimenti e di sofferenze, ma anche di analisi e di incrollabile attaccamento all’esistenza, che ha voluto riportare nel libro Malata di vita (Imprimatur, pp. 180, euro 16).

Purtroppo Rita non è riuscita a vincere questa battaglia: è morta l’8 maggio 2016, ad appena 47 anni, lasciando però, nel libro uscito postumo, la testimonianza del suo duello serrato contro il male. Una donna preparata e tenace la Fantozzi, che aveva conosciuto il successo lavorativo prima come redattrice dell’Adnkronos, poi come portavoce di Gianfranco Fini e capo ufficio stampa di AN e PDL. Nell’aprile del 2015 la sua vita era cambiata: le avevano diagnosticato un tumore al pancreas, con metastasi nello stomaco, al fegato e ai polmoni. Da quel momento era iniziato un lungo percorso di lotta contro quelli che lei chiamava “gli inquilini morosi” che occupavano “illegalmente” il suo corpo.

Ho giurato a me stessa che niente e nessuno mi avrebbe mai tolto il sorriso, la voglia di scherzare, anche nei momenti peggiori le mie labbra non sarebbero mai state serrate e i miei occhi non si sarebbero più riempiti di lacrime, ma solo di amore. Non era facile, ma volevo provarci” ha scritto nel suo libro. Nonostante lo sconforto iniziale e la terapia aggressiva, con i suoi numerosi effetti collaterali, Rita ha fatto di tutto per vivere il suo travaglio con serenità, accerchiando e deridendo il male, sostenuta dalla sua famiglia, dagli amici e dallo staff di medici e infermieri del Campus Bio-Medico di Roma che l’accudivano. “Mi ero imposta di pensare sempre positivo e di aiutare i medici con il mio atteggiamento disinvolto” ha riportato nelle pagine di Malata di vita. “Volevo vivere a tutti costi, per questo avrei lottato con ogni mezzo per riprendere le mie abitudini e le mie passioni”.

E in effetti ci era riuscita: dopo pochi mesi di cure la malattia era regredita. Gli “inquilini morosi” avevano cominciato a fare le valigie e le sue condizioni di salute miglioravano di giorno in giorno. Era tornata a lavorare, a ritmi meno serrati di prima, ma con la passione di sempre. La malattia aveva cambiato le sue priorità: “Prima c’era solo il lavoro. Vita annullata. Ora me la stavo riprendendo e non volevo più mollarla”. Era partita di nuovo per i Caraibi, dove l’anno prima aveva trascorso un capodanno memorabile, decidendo di riempire suoi giorni solamente di amore. Ma “il cancro è subdolo, non gioca mai a carte scoperte” diceva. E alla fine non le ha dato scampo. Prima di andarsene, però, la giornalista ha lasciato indicazioni precise: il suo libro doveva vedere a tutti i costi la luce e i diritti d’autore destinati alla creazione di una Banca della parrucca. Sì, perché anche lei aveva vissuto il dramma della perdita dei capelli come effetto collaterale delle pesanti cure a cui l’avevano sottoposta. Non era stato semplice abbandonare i suoi amati ricci, ma aveva trovato la forza di affrontare anche questa prova. “Ho indossato la mia parrucca stile Audrey Hepburn e ho visto davanti a me un’altra Rita” ha scritto a proposito.

Non è stato facile abituarmi all’idea di avere un corpo estraneo sulla testa, ma ogni volta che la mettevo cercavo di convincermi che ero ancora una donna affascinante e che c’era qualcuno che si poteva innamorare di me”. Una parrucca può arrivare a costare anche duemila euro e non sempre è nelle possibilità economiche dei malati e delle loro famiglie. Durante le cure, Rita si era confrontata con altri pazienti, aveva ascoltato le loro storie, avvertito le difficoltà. Così, prima di andarsene, ha pensato a un’iniziativa utile ad alleviare gli effetti collaterali del cancro, sia dal punto di vista psicologico che economico. Proprio da una sua idea è nato il progetto Wigs&Care Fund o semplicemente Banca della parrucca, promosso dal Campus Bio-Medico di Roma, un fondo che punta a offrire un servizio di consulenza a tutti i malati, attivando parrucchieri e centri specializzati con possibilità di sconti e facilitazioni. Ma soprattutto il progetto punta ad andare incontro alle persone che hanno difficoltà economiche, a cui vuole offrire una “boutique virtuale” gestita dallo staff medico-infermieristico e da volontari. Non un negozio, ma uno spazio adibito alla conservazione delle parrucche in cui i pazienti potranno sceglierne una da utilizzare gratuitamente. Una volta terminato il percorso di cura, la parrucca verrà restituita per poi essere sistemata, igienizzata e inserita nuovamente in “boutique” per un’altra persona. Sia aziende che privati avranno la possibilità di sostenere l’iniziativa con donazioni in natura, cioè parrucche o accessori come foulard e trucchi, o in denaro. Come ha scelto di fare Rita nella sua ultima prova di coraggio, amore e umanità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Striscia la Notizia, Procura di Bari chiude le indagini su Mingo: “Truffa a Mediaset per 170mila euro”

next
Articolo Successivo

La mia danza libera, Roberto Bolle porta il balletto in tv. “I talent? Hanno sdoganato la figura del ballerino maschio” (VIDEO)

next