Nuovi richiami per le vetture Fca negli Stati Uniti. Dopo i difetti al cambio che hanno i coinvolto 1,1 milioni di auto e quelli agli airbag che hanno colpito 4,3 milioni di veicoli, stavolta tocca a problemi elettronici che potrebbero provocare un calo di potenza. In questo caso, la casa automobilistica italo-americana ha spiegato che i difetti riguardano circa 410 mila vetture.

La campagna di richiamo riguarda quasi esclusivamente veicoli venduti negli Usa e in Canada e coinvolge i seguenti modelli: Chrysler 200 model-year 2015, Ram ProMaster City, Jeep Renegade e Cherokee. Il gruppo ha sottolineato di non essere a conoscenza di incidenti provocati dal problema che verrà risolto in officina con un aggiornamento del software e l’installazione, se necessario, di nuovi cablaggi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pokémon Go, al volante sono un pericolo. L’incidente stradale è dietro l’angolo

next
Articolo Successivo

FCA, un’indagine interna svelò le vendite gonfiate negli Usa già nel 2015

next