Le invettive di Nigel Farage, i luoghi comuni dei demagoghi d’Oltremanica – e non solo – la vergognosa campagna stampa fatta dai media dell’australiano Rupert Murdoch, la spaccatura tra Inghilterra e Scozia, il divario generazionale che ha visto i più giovani votare a favore del “remain” nell’Unione europea. Sono molte le chiavi di lettura del risultato del referendum britannico come eterogenee sono le responsabilità della Brexit.

L’intera Europa ha le sue di responsabilità ed è bene che faccia una profonda riflessione. L’assetto istituzionale finora costruito, con un Parlamento europeo privo di reale potere, una Commissione più tecnica che politica, i veti incrociati in sede di Consiglio che bloccano tutte le decisioni che contano, lo sbilanciamento di potere a favore dei Paesi economicamente più forti e l’assenza di leader politici di elevata caratura, stanno condannando l’intero progetto europeo all’agonia. Il risultato è una realtà grigia e burocratica, che parla una lingua strana e ancora troppo lontana dai cuori dei suoi cittadini – nonostante ci siano alcune iniziative e progetti di grande successo, come, ad esempio, l’Erasmus, Horizon 2020 e il mercato interno.

Ma la colpa di questa impasse è soprattutto dei governi nazionali. L’Ue di oggi è così per volere di governanti che preferiscono indicare Bruxelles come responsabile primaria per le loro colpe e debolezze piuttosto che come una realtà politica unita e coesa. Non un ‘super Stato’ ma una vera federazione europea. La mancanza di coraggio e lungimiranza politica dei leader nazionali è la causa principale di questa Ue che non funziona: bellissima e romantica in teoria, ma inefficiente e fredda nella realtà. L’Europa intera deve cambiare linguaggio esprimendo leader politici che abbiano spessore.

L’Europa non può più permettersi di essere elitaria, un circolo chiuso per intellettuali. Dove ci sono Internet e i social media, la voglia di democrazia diretta è sempre più forte.

Anche se a Bruxelles qualcuno è felice che i britannici abbiano scelto il “Leave”, l’uscita del Regno Unito dall’Unione segna un significativo passo indietro nel percorso di integrazione europea, non fosse altro che per il rischio emulazione di altri Paesi, Francia e Paesi Bassi in primis. Chi conta a Bruxelles e soprattutto nelle capitali d’Europa capirà che è arrivata l’ora di cambiare registro, di avere la forza e il coraggio di fare dell’Unione una vera realtà politica? In caso contrario ci si prepari a perdere l’appuntamento con la storia e a condannare l’intero continente a decenni di declino economico, sociale e politico.

@AlessioPisano

www.alessiopisano.com

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit, un voto populista che danneggia solo il popolo

next
Articolo Successivo

Brexit, e se fosse la fine del Regno Unito?

next