Oggi i cittadini britannici saranno chiamati a scegliere se restare o meno all’interno dell’Unione europea. Un voto segnato dal sangue dell’assurdo omicidio della deputata laburista pro Remain Jo Cox, una sorta di martire moderna.

Affermare che gli euroscettici siano tutti pazzi omicidi è sbagliato. Ma è inopportuno continuare ad avvelenare le menti dei cittadini europei con teorie complottiste in merito ad un’Unione europea dipinta con dolosa ignoranza come la peggiore delle dittature mai esistite. Può succedere che qualche persona esasperata o squilibrata, si lasci influenzare e commetta qualche pazzia.

Paradossalmente l’euroscetticismo potrebbe essere molto più serio e circostanziato di quanto si mostri oggi. L’Unione europea è lungi dall’essere perfetta: è una realtà politico-economico zoppa, piena di scrocconi, politici fantocci e affaristi mascalzoni – non certo una candida oasi politica. Tuttavia buona parte dei leader euroscettici di oggi preferiscono agitare vecchie e impolverate bandiere nazionali, triti e ritriti luoghi comuni come prendersela con l’idraulico polacco o il muratore bulgaro. Un mare magnum di nazionalisti, ex fascisti, ex comunisti, monarchici, anarchici e insurrezionalisti che, dopo una scorpacciata di disinformazione, si sente in diritto di agitare lo spettro della guerra santa contro il ‘sistema Ue’, senza nemmeno conoscerlo veramente, non fosse altro che per combatterlo davvero.

Il risultato di questo clima di terrore psicologico, crassa ignoranza, propaganda dell’anti propaganda e sindrome del complotto, ha contribuito alla morte della labourista Jo Cox, una donna di 40 anni, madre di due figli, europeista convinta. E’ in questo clima che i cittadini britannici si recheranno a votare per il ‘leave’ o ‘remain’, per abbandonare l’Europa e restare nella loro isoletta con Nigel Farage – ma senza Scozia e Galles che già stanno preparando le zattere – o restare ancorati in Europa per contribuire a riformare l’Ue con David Cameron – questa seconda ipotesi non priva di interrogativi.

Un voto segnato dal martirio di un politico, come di solito avviene in Medio Oriente, ma questa volta è successo in Europa – yes Nigel, the UK is still a part of it. Una morte che non potrà che influenzare il voto dei cittadini britannici che, piaccia ai francesi oppure no, hanno inventato la forma repubblicana su cui si basa la comune vita politica e civile europea.

Leave or remain, a voi la scelta.

@AlessioPisano

www.alessiopisano.com