Dopo la strage di Orlando l’associazione OneBlood aveva chiesto ai cittadini di donare il sangue. Dall’annuncio, postato su Facebook, si era poi diffuso il messaggio che anche gli omosessuali – contrariamente a quanto stabilito dalla Food and Drug Administration – potessero contribuire. Ma il divieto per loro rimane in vigore ed è stato precisato che solo a fine anno verrà recepita la nuova direttiva che li autorizza, a patto che non abbiano avuto rapporti sessuali nell’ultimo anno.

Il rinnovato divieto è motivato dalla prevenzione del contagio Aids, una piaga in Florida che è il Secondo stato per numero di Hiv-positivi dopo la Louisiana. Ma per la comunità omosessuale, particolarmente colpita dalla strage, è il segno di una discriminazione persistente. I critici del divieto affermano che dovrebbe bastare un periodo di 30 giorni dall’ultimo rapporto, dato che i test sono in grado di individuare il virus molto presto. E che non ci sono pericoli per donazioni da parte di chi ha un rapporto di coppia stabile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage Orlando, di omofobia si muore. Checché ne dicano i minimizzatori di professione

prev
Articolo Successivo

Strage di Orlando, attivisti Lgbt: “In Italia disinteresse perché i morti sono omosessuali”

next