Copertina di Maurizio Crozza che apre la nuova puntata di Dimartedì (La7), commentando l’esito elettorale nei panni di Matteo Renzi: “Che trionfo domenica, una rimonta esemplare, nessuno ci credeva. Alla fine tutti sono rimasti indietro. Parlo di Valentino Rossi, è successo altro? C’è stato il tracollo del Pd? Correva anche il Pd? E con quale moto? In una giornata così a me conviene parlare più del GP in Catalogna o del Pd in catalessi?”. Il comica torna nelle sue vesti e commenta: “Mentre Renzi era concentrato sull’abolizione del Senato a ottobre, i Comuni hanno abolito lui a giugno. Queste elezioni per il Pd più che un campanellino d’allarme sono state la sirena di una nave da crociera con l’amplificazione dei Pink Floyd. Renzi ha detto testualmente: ‘Non siamo contenti’. Renzi quando vince dice ‘io’, quando perde dice ‘noi’. Quando perde, diventa democratico. E’ già un inizio, dai”. E aggiunge: “A Roma il Pd è 10 punti indietro al M5S. Giachetti, poverino, sono due giorni che vaga sotto choc, sembra Leonardo Di Caprio dopo che ha combattuto con l’orso. Non riesce nemmeno a salire sullo scooter: per tornare a casa ha chiesto un passaggio a Marchini che non vedeva l’ora che finisse questa farsa per riprendersi ‘sta cazzo di Ferrari. L’unica che l’ha presa bene” – continua – “è la Meloni: le dispiace un po’ solo per quella figa che c’era sui manifesti. Eppure, io la Meloni ce la vedevo bene col fascio da sindaco. Scusate, fascia. Fassina pare che sia sereno, è convinto che si voti a fine luglio e nessuno se l’è sentita di dirgli la verità. Adinolfi ha preso lo 0,6% col Partito della Famiglia. Praticamente non l’ha votato nemmeno la sua di famiglia. Ormai a Roma lo chiamano ‘Er Prefisso’ ”. Crozza poi imita Ignazio Marino (“Non godevo così tanto dai tempi in cui molestavo il Papa”) e ironizza sull’accordo sottoscritto da Virginia Raggi del M5S con la Casaleggio Associati: “Le sue dimissioni può deciderle solo Grillo. Praticamente Roma la governa Grillo. Il marchese del Beppe Grillo”. E si cala nelle vesti del leader del M5S: “Belin, mi dispiace. Ma io sono io. E voi non siete un cazzo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘A Cena da Me’ (La7), Adrian: un ciclone che sorprende gli ospiti. Ma qualcuno non apprezza la sua ‘esuberanza’

next
Articolo Successivo

Diritti d’autore, Soundereef: ‘Dopo Fedez e D’Alessio, presto annuncio di altri nomi importanti’

next