Un dibattito al Festival dell’Economia per parlare di “centro e periferia” nel giorno del silenzio elettorale. La candidato M5s a Roma Virginia Raggi e il dem Piero Fassino che corre per essere riconfermato a Torino si incontreranno a Trento alle 18 per una tavola rotonda insieme ai colleghi Guido Castelli (Ascoli Piceno) e Flavio Tosi (Verona). La decisione ha scatenato numerose polemiche tra gli avversari politici che vedono nell’incontro una violazione della pausa dalla campagna elettorale alla vigilia del voto.

All’attacco nelle scorse ore anche il Pd. “Rispetto il silenzio”, ha detto la Raggi. “Infatti a Trento parlerà di periferie”. Gli ha risposto il candidato del centrosinistra al Campidoglio Roberto Giachetti: “Se vabbè…delle periferie di che, della luna?”. Critico anche il commissario dem per Roma Matteo Orfini: “La Raggi ha fatto un’affermazione rivelatrice di quel che pensa. Ha detto io non parlerò di campagna elettorale o Roma ma di periferie. Evidentemente non considera il tema delle periferie qualcosa di cui il sindaco si deve occupare. Ci sono opzioni: o è in malafede e va a fare campagna nel giorno del silenzio elettorale, o non pensa alla riqualificazione delle periferie”.

Una scelta di “pessimo gusto” secondo Arturo Scotto di Sinistra Italiana, ma che vede protagonisti anche i dem con Fassino e non solo i 5 stelle. “Vedo che molti candidati e dirigenti del Partito democratico stanno protestando”, ha commentato. “Giusto, è una scelta di pessimo gusto oltre che una palese violazione delle regole. Aspetto però di vedere la loro medesima protesta per la contestuale partecipazione allo stesso dibattito del candidato del Pd a Torino, Piero Fassino. Dalle parti del Nazareno evidentemente usano due tipi di misure: chi può violare le regole deve essere solo del Pd”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Milano 2016: perché ho deciso di votare per i 5 Stelle

next
Articolo Successivo

Elezioni amministrative 2016, cinquestelle e sinistra: il nodo da sciogliere per l’alternativa

next