E’ la politica che ha sconfitto l’arte“: a parlare così è Klintsevitch Frantz, senatore russo che non accetta la vittoria dell’Ucraina all’Eurovision song contest. Oggetto della contestazione è il brano”1944” nel quale Jamala, 32enne ucraina, parla delle deportazioni dei tatari di Crimea, ordinate da Stalin. Un testo anti-russo, con una forte connotazione politica e storica, diventato oggetto di una contestazione su più fronti. Non è solo il senatore a scagliarsi contro la vittoria di “1944”: come riporta il Corriere della Sera, anche il presidente della Commissione Esteri del Senato russo, Konstantin Kosachev, non ha apprezzato la vittoria dell’Ucraina: “In realtà ha perso”, ha scritto nella sua pagina Facebook.

“1944” aveva suscitato molte polemiche anche prima dell’inizio del festival europeo e Mosca aveva cercato di bloccare la partecipazione della cantante ucraina. La giuria ha poi ammesso Jamala che ha finito per prevalere sull’artista russo, Sergey Lazarev, dato come super favorito all’alba della finale.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Liana animalista nuda mostra le uccisioni di animali da pelliccia: “Come quelle di massa effettuate dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale”

next
Articolo Successivo

Ten Talking points: il capolavoro di Higuain, la figura del Milan. E agli Europei…

next