“Sono uscita dall’ospedale allattando il mio bambino, eppure il pediatra mi ha prescritto il latte artificiale”. L’International baby food action network (IBFAN) riceve segnalazioni come questa più di una volta alla settimana. Eppure promuovere il latte artificiale per neonati, così come consegnare alle neomamme moduli con indicata una specifica marca di latte di formula, è illegale. A dirlo è il decreto ministeriale 82 del 2009. Una norma poco rispettata dai pediatri italiani, visto che a suggerire il latte in polvere sono molti ospedali italiani, come verificato da ilfattoquotidiano.it in questa video inchiesta. Nonostante l’allattamento al seno sia da preferirsi ovunque possibile, per le proprietà del latte materno e per l’insostituibile contatto tra mamma e neonato, la prassi è sempre la stessa: “Le mamme non ricevono il sostegno necessario all’allattamento naturale”, conferma l’ostetrica Valentina Bonomi. “Un comportamento dettato anche dalla mancanza di strumenti sanzionatori”, segnala Riccardo Davanzo, presidente del Tavolo tecnico del ministero della Salute per la promozione dell’allattamento al seno. E così le segnalazioni delle mamme continuano ad accumularsi. “Nell’attesa che si apria un’indagine”, dice Luisa Mondo di IBFAN Italia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Emilia la nonna di Lesbo candidata al Nobel: “I migranti mi mancano, aiutarli mi faceva stare bene”

prev
Articolo Successivo

Carceri, sezioni apposite per detenuti gay. Il garante: “Isolamento ingiustificato”

next