Fuori la candidata denunciata per diffamazione. Ma resta in lista la consigliera comunale a libro paga di Salvatore Buzzi, l’uomo al centro del sistema di Mafia Capitale. Questa è stata la scelta del Pd di Roberto Giachetti, candidato sindaco alle prossime elezioni a Roma. A segnalare quello che chiama “un doppio registro sorprendente” è il giornalista Franco Bechis dalle colonne del suo blog L’imbeccata. Le due candidate in questione sono Nathalie Naim ed Erica Battaglia. La prima, nota ambientalista, è stata esclusa dalle liste elettorali perché risultava avere un carico pendente per un reato di opinione: è stata denunciata per diffamazione dai gestori di alcune bancarelle. La seconda, invece, ha ricevuto finanziamenti per la sua ultima campagna elettorale da Salvatore Buzzi, l’imputato principale nel processo Mafia Capitale.

La candidata Pd, eletta in consiglio comunale nel 2013, è risultata avere ricevuto anche un contributo di 5 mila euro dalla Coop 29 Giugno. Battaglia non è indagata nell’inchiesta su Mafia Capitale, ma il blog del giornalista riprende alcuni passaggi della relazione prefettizia sull’indagine. “Non è indagata – si legge nel documento – ma la Commissione ha accertato una posizione di potenziale conflitto di interessi tra il suo mandato elettivo e la sua attività lavorativa”, cioè il suo lavoro alle dipendenze del consorzio Coin, una cooperativa sociale affidataria di commesse pubbliche proprio nel settore delle politiche sociali. Battaglia, infatti, è diventata presidente della commissione Affari sociali del consiglio comunale. E ancora: “Sullo sfondo di questo potenziale conflitto d’interessi, si stagliano alcuni episodi fotografati dall’ordinanza Mondo di Mezzo o dall’informativa, che mettono in relazione il Presidente Erica Battaglia, seppure non indagata, con il sodalizio criminale. Il primo è inquadrato dall’ordinanza nell’ambito della costruzione di un rapporto privilegiato che passava anche con incontri personali in luoghi diversi de quelli istituzionali”.

Intervistato dallo stesso Bechis a Omnibus su La7, Roberto Giachetti ha difeso Battaglia spiegando che “non ha carichi pendenti” e “quei contributi da Buzzi erano regolari, li ha presi alla luce del sole”. E incalzato sulla disparità di trattamento rispetto a candidate come Naim, il deputato dem ha risposto: “Non dovete chiederlo a me, ma al commissario del partito, Matteo Orfini, che ha deciso le liste. Io sono candidato sindaco di una coalizione, lo chieda a lui”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Roma, a Milano pranzo in casa Santanchè: raccolta fondi o strappo con B? “Resto in Fi, ma voterei Meloni”

next
Articolo Successivo

Elezioni, dalla figlia di Moro ai dem che davano soldi davanti ai seggi a Napoli: le liste. M5s corre nel 18% dei Comuni

next