I parlamentari ex M5s Mara Mucci e Luis Alberto Orellana saranno candidati nelle liste dei Radicali per le amministrative di Milano. Ad annunciarlo è stato il candidato sindaco Marco Cappato ai microfoni di SkyTg24 e l’elenco completo dei nomi sarà reso pubblico il 28 aprile. Mucci ha poi spiegato in una nota che “non si candida allo scopo di essere eletta”: “Il mio nome apparirà in fondo alla lista. La mia partecipazione è di sostegno al lavoro e alla rielezione di Cappato, cui mi affianco con il mio progetto, realizzato con altre associazioni nazionali, per la digitalizzazione della Pubblica amministrazione, da Milano a Canicattì”.

Il senatore Orellana, eletto a Pavia, è stato espulso dal Movimento 5 stelle a febbraio 2014. A ottobre 2015 è passato al gruppo Per le Autonomie e quindi in maggioranza. Il parlamentare in un primo momento era stato anche tra i potenziali candidati M5s per la presidenza del Senato pochi giorni dopo l’elezione, ma con il passare dei mesi le sue idee spesso in controtendenza con la linea ufficiale lo hanno portato all’espulsione.

La deputata Mara Mucci invece, eletta a Imola, a gennaio 2015 ha lasciato il M5s insieme a una decina di colleghi per passare al gruppo di ex grillini Alternativa libera. Proprio Mucci aveva tenuto il discorso di “addio” nel corso di una conferenza stampa a Montecitorio: “E’ più facile fare un’opposizione becera e casinista”, aveva detto. “Tra non capire e rimanere in silenzio per comodità: abbiamo deciso di ribellarci”. A novembre 2015 è passata nel gruppo Misto. Oggi Mucci spiega così la sua scelta: “Nel mio cammino politico”, spiega in una nota, “ho avuto la fortuna di incontrare i Radicali italiani e l’orgoglio di poterli affiancare in queste prime battaglie insieme. Chi conosce la politica, sa che non è questa la strada che uno prende per cercare una rielezione. Ma solo per sostenere una lista che si presenta con tante difficoltà e l’obiettivo di far parlare del programma di Milano scritto da chi, dall’opposizione, ha già fatto molto per la città. La politica si può fare anche fuori dalle istituzioni, i radicali l’hanno sempre fatto, ma mettere un consigliere è indubbiamente importante”. Per questo, dice la deputata, l’obiettivo non sarà la sua elezione: “Il messaggio non sarà di certo votate Mara Mucci, ma sarà piuttosto di invito a conoscere i radicali italiani, e magari scrivere sulla scheda il nome di un radicale per averlo nelle istituzioni”.

*aggiornato da redazione web il 28 aprile 2016 alle 18.30

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni Roma. Scioperi, disagi e perdite: caos trasporti. ‘Ad Atac destinati in 5 anni più fondi pubblici che ad Alitalia in 10’

next
Articolo Successivo

Elezioni Roma, FI scarica Bertolaso: “Noi con Marchini, Lega e Fdi lo appoggino”. Ma Salvini: “Nostro candidato è Meloni”

next