Terrorismo, migranti, data journalism. Il Festival del Giornalismo di Perugia, in programma dal 6 al 10 aprile, si prepara a festeggiare la decima edizione con più di 200 incontri e oltre 500 speaker da tutto il mondo. “In questo lasso di tempo l’editoria è cambiata sotto i nostri occhi, nelle prime edizioni ruotava tutto intorno ai media mainstream, ora al centro ci sono i lettori”, racconta a ilfattoquotidiano.it Arianna Ciccone, co-fondatrice e direttrice del Festival. “La professione si è arricchita, ma anche complicata – aggiunge -, bisogna fare i conti con le breaking news, il fact checking e i nuovi modelli di business”.

Anche quest’anno i temi da affrontare non mancano: “Come sempre cercheremo di dare la priorità al giornalismo investigativo – spiega –, tornato ancora una volta di grande attualità con il caso Panama Papers”. Spazio anche alla musica con Fedez, Calcutta e Niccolò Contessa, leader del gruppo I Cani: “Anche quest’anno abbiamo cercato da una parte una figura più popolare, dall’altra due persone legate al mondo underground”, spiega.

Impossibile poi non occuparsi del caso Regeni: “Era doveroso raccontarlo, anche se non è una questione che riguarda solo l’Italia ma il mondo intero – sottolinea -, e che ancora una volta dimostra quanto sia fondamentale il ruolo del giornalismo per far venire a galla la verità”.

Ma per i professionisti del mestiere gli ostacoli da affrontare sono sempre più numerosi: “Continuiamo a combattere in prima linea la battaglia per la libertà di stampa – spiega -, anche perché assistiamo a continui tentativi intimidatori da parte del potere”. Saranno chiamati a discuterne alcuni nomi del panorama internazionale; da Hossein Derakhshan, scrittore e pioniere del blogging in Iran, a Iyad El-Baghdadi, attivista per i diritti umani, diventato celebre per il suo supporto alla Primavera Araba.

E anche in Italia le cose non vanno meglio. Se ne parlerà durante l’incontro Querele, minacce e protezione delle fonti a rischio: attacco al giornalismo, con Peter Gomez, Amalia De Simone, Emilia Brandi, Giorgio Mottola e Davide Falcioni: “Lo strumento della querela temeraria indebolisce tutti i giornalisti freelance che stanno sul territorio e che ogni giorno raccontano le realtà più difficili”, ammette la Ciccone. E spesso lo fanno senza alcuna tutela: “Purtroppo non funziona più come in passato, quando avere un’azienda solida alle spalle poteva darti qualche garanzia in più”, sottolinea.

Oggi, infatti, i gruppi editoriali vivono un momento di estrema crisi, ma spesso è il giornalismo stesso a finire sotto accusa: “Negli ultimi anni abbiamo assistito a un allontanamento dei cittadini sia dalla politica che dai giornali – spiega -, e credo che ci sia un filo conduttore tra le due cose”. E proprio di questo Arianna Ciccone discuterà nel suo incontro con Enrico Mentana e Marco Damilano, La crisi del giornalismo italiano (e della politica): “È venuta a mancare la fiducia – ammette -, e si vede dall’astensione elettorale e dalla crisi in cui versano i quotidiani”.

Cosa fare allora per riconquistare i lettori?: “Bisogna uscire dalla logica ‘acchiappaclic’ – sottolinea -, oggi l’informazione avviene soprattutto attraverso i social network ed è qui che dobbiamo cercare di portare il vero giornalismo di qualità”. Anche perché al momento la logica paywall non sembra efficace: “Il contenuto può essere a pagamento solo se è di altissima qualità – osserva -. Anche da noi esiste il grande giornalismo, il problema è che non emerge, schiacciato com’è dal gossip e dalle notizie leggere”. Un compito che dovrebbero prendersi sulle spalle anche i più giovani: “Il mercato è piccolo e un po’ impaurito, per cui chi vuole fare questo mestiere deve avere una grande preparazione digitale, – spiega – il giornalismo dev’essere un sogno, ma anche una missione”.

A Perugia con i giornalisti e i blogger del Fatto Quotidiano e de ilfattoquotidiano.it: tutti gli appuntamenti

Peter Gomez, direttore de ilfattoquotidiano.it
15:30 – 17:00 venerdì 8
Teatro della Sapienza
Querele, minacce e protezione delle fonti a rischio: attacco al giornalismo

Marco Travaglio, direttore Il Fatto Quotidiano
21:00 – 22:30 venerdì 8
Teatro Morlacchi
Carta bianca

Wanda Marra, giornalista de Il Fatto Quotidiano
16:30 – 18:00 sabato 9
Teatro della Sapienza
Giornalismo politico, propaganda, conformismo e consenso

Caterina Soffici, giornalista e blogger de Il Fatto Quotidiano
17:30 – 18:30 sabato 9
Palazzo Sorbello
Storia sentimentale della scienza da Omero a Borges

Guido Scorza, avvocato, blogger de ilfattoquotidiano.it
11:30 – 12:30 giovedì 7
Sala dei Notari
Internet, i nostri diritti

Dario Accolla, attivista LGBT, blogger de ilfattoquotidiano.it
14:30 – 16:00 domenica 10
Centro Servizi G. Alessi
Diritti LGBT, unioni civili, matrimonio egualitario, stepchild adoption e GPA (Gestazione Per Altri)

Alessandro Gassman, attore e blogger de ilfattoquotidiano.it
15:00 – 16:30 domenica 10
Sala dei Notari
L’arte e il giornalismo in tempo di guerra

Elisa Liberatori Finocchiaro, Country Lead of Change.org Italy, blogger de ilfattoquotidiano.it
16:00 – 17:00 venerdì 8
Sala del Dottorato
Mettere fine alle mutilazioni genitali femminili: giornalismo e attivismo su scala globale

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi come Giolitti? Scalfari (stavolta) ha davvero esagerato

prev
Articolo Successivo

Panama papers, il vaso di Pandora ancora non si è aperto

next