Se Kim Kardashian ha un talento, è quello di aver dimostrato di non avere bisogno di alcun talento. Per far parlare di sé le bastano le sue curve. Con le sue decine di migliaia di followers sui social network, la star dei reality statunitensi non deve far altro che postare un selfie per affermare la sua popolarità e collezionare una valanga di like. Specie quando il selfie è esagerato, come quello che la moglie del rapper Kanye West ha scattato stamattina davanti a uno specchio: un ritratto in cui Kim appare completamente senza veli, coperta solo da due banner neri aggiunti con fotoritocco. Un modo, forse, per mostrare come il suo corpo si sia ripreso perfettamente ad appena due mesi dalla nascita del secondo figlio Saint West. “Quando ti pare di non avere nulla da indossare”, ironizza la Kardashian nel commento che accompagna l’immagine. E più di seicentomila persone (in appena poche ore, ma il numero è destinato a crescere), hanno già finto di crederle cliccando su “like”.

Non è la prima provocazione del genere per la trentacinquenne che ha fatto del suo corpo esplosivo un brand di successo: basti ricordare la copertina di Paper in cui la starlette gioca con una bottiglia di champagne, il cui contenuto sfidando le leggi della fisica va a centrare in pieno una coppa perfettamente in equilibrio sul suo generosissimo fondoschiena.

When you’re like I have nothing to wear LOL

Una foto pubblicata da Kim Kardashian West (@kimkardashian) in data:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il ritorno dell’ “origine del mondo”: l’abbiamo provata per voi

prev
Articolo Successivo

Rocco Siffredi: “Il porno un lavoro di gruppo che serve a far masturbare felicemente qualcun altro, non certo una gioia”

next