Se Kim Kardashian ha un talento, è quello di aver dimostrato di non avere bisogno di alcun talento. Per far parlare di sé le bastano le sue curve. Con le sue decine di migliaia di followers sui social network, la star dei reality statunitensi non deve far altro che postare un selfie per affermare la sua popolarità e collezionare una valanga di like. Specie quando il selfie è esagerato, come quello che la moglie del rapper Kanye West ha scattato stamattina davanti a uno specchio: un ritratto in cui Kim appare completamente senza veli, coperta solo da due banner neri aggiunti con fotoritocco. Un modo, forse, per mostrare come il suo corpo si sia ripreso perfettamente ad appena due mesi dalla nascita del secondo figlio Saint West. “Quando ti pare di non avere nulla da indossare”, ironizza la Kardashian nel commento che accompagna l’immagine. E più di seicentomila persone (in appena poche ore, ma il numero è destinato a crescere), hanno già finto di crederle cliccando su “like”.

Non è la prima provocazione del genere per la trentacinquenne che ha fatto del suo corpo esplosivo un brand di successo: basti ricordare la copertina di Paper in cui la starlette gioca con una bottiglia di champagne, il cui contenuto sfidando le leggi della fisica va a centrare in pieno una coppa perfettamente in equilibrio sul suo generosissimo fondoschiena.

When you’re like I have nothing to wear LOL

Una foto pubblicata da Kim Kardashian West (@kimkardashian) in data:

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il ritorno dell’ “origine del mondo”: l’abbiamo provata per voi

next
Articolo Successivo

Rocco Siffredi: “Il porno un lavoro di gruppo che serve a far masturbare felicemente qualcun altro, non certo una gioia”

next