Accantonati i vecchi metodi di corteggiamento, il nuovo modo per far innamorare le donne è a tavola.Tra elisir d’amore, petali profumati, radici ricercate e drink dal sapore tutto femminile. Innamorati, scordatevi il classico mazzo di fiori. La vostra amata non lo apprezzerà più. Ora per attirare l’attenzione dovrete ricorrere a una “combo di sensualità“: petali profumati e buona cucina. Per questo motivo, a Desio, Wood*ing- wild food lab ha pensato a un modo tutto originale per far fare buona figura a voi maschietti. Indossate il grembiule da chef e mettetevi ai fornelli. Le ricette ve le danno Valeria Margherita Mosca (research & training, forager & chef) e Giuseppe Mancini (head mixologist, training & events), che hanno pensato a un menu tutto a base di rose con drink floreali abbinati.
1. Cos’è Wood*ing

woodingWood*ing wild food lab fa ricerca sulla raccolta, la conservazione e l’utilizzo del cibo selvatico per l’alimentazione umana. Valeria Margherita Mosca (research & training, forager & chef) insieme al suo team raccoglie, cataloga, analizza e conserva vegetali commestibili e adatti all’uso umano. Le ricerche fatte da Wood*ing sono nel completo rispetto degli ecosistemi. Il laboratorio è alla ricerca di una possibile e vera sostenibilità alimentare che va oltre al bio e al km zero. Ma a Desio non si studia solo, si mangia anche. Per San Valentino la chef e il mixologist propongono rose nei piatti e nei bicchieri.

Rose rosse per te, ho mangiato stasera: quando il fiore dell’amore diventa un ingrediente in cucina

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Contraste, il nuovo ristorante di Matias Perdomo dove al posto della lista arriva uno specchio. “Il mio desiderio? Eliminare del tutto il menù”

next
Articolo Successivo

Sommelier del gelato, a Bologna il primo corso al mondo per degustatori

next