Ma Nobita davvero era in coma e si è sognato tutto quel che è successo in Doraemon? Questa la domanda che è rimasta nell’aria ieri, durante la conferenza stampa tenuta da Cristina D’Avena, superospite della serata finale del Festival della Canzone Italiana 2016. Lei, Cristina, è davvero la più amata dagli italiani, almeno da diverse generazioni.

Regina indiscussa delle sigle dei cartoni animati, con un inizio carriera allo Zecchino d’Oro, suo il famosissimo Walzer del moscerino, Cristina D’Avena ha, con gli oltre sette milioni di copie vendute, cresciuto almeno due generazioni di italiani. Se a fianco dei bambini che sono stati introdotti dalle sue canzoni alla magia dei cartoni animati mettete i genitori di suddetti bambini e i nonni, ormai da tempo subentrati alle mamme, costrette a lavorare, per quel che riguarda i pomeriggi a casa, potete ben capire come, volenti o nolenti, davvero tutti conoscono la voce cristallina di Cristina e le sue canzoni.

Perché è bene chiarire una cosa, Cristina D’Avena è da oltre trent’anni Cristina D’Avena per la sua voce, sempre precisa e intonata, per questa solarità che riesce a infondere in ogni sua performance e per le canzoni che signori autori le hanno regalato. Poi, ovvio, di canzoni semplici, leggere, dirette ai più piccoli si tratta, ma la D’Avena è un signor personaggio da considerare con tutto il rispetto possibile. Stasera ci delizierà con un medley dei suoi classici, da Occhi di gatto a Dolce memole. La speranza è che Carlo Conti si faccia portavoce di tutta la Sala Stampa e finalmente ci dica come stanno realmente le cose su Nobita e Doraemon. Sono quasi trent’anni che ce lo stiamo chiedendo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanremo 2016, chi l’ha fatta ‘fuori dal vaso’ nel Festival del buon gusto?

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2016, Beppe Vessicchio e il papillon colorato: “Lo uso spesso: pro unioni civili a mia insaputa. Ma ne sono felice”

next