Oltre 50mila passeggeri sono rimasti bloccati alla stazione ferroviaria di Canton, nel sudest della Cina, a causa della neve che da domenica ha coperto le province centrali e orientali del Paese provocando il ritardo di almeno 27 treni. Nei casi peggiori, spiega un portavoce delle ferrovie, i treni in partenza da Canton e diretti a Shenzhen hanno riportato circa sei ore di ritardo. Nelle ore di punta le persone in attesa di partire hanno dovuto attendere tre ore prima di riuscire a entrare nell’edificio, formando lunghe code nella piazza davanti alla stazione.

Per far fronte all’emergenza le autorità locali hanno modificato il percorso di bus e metro in modo da saltare le fermate vicine alla calca. Il servizio per la pubblica sicurezza del Comune di Canton ha dispiegato 6.200 poliziotti per contribuire a mantenere l’ordine davanti alla stazione. La situazione è stata resa ancora più critica dall’avvicinarsi del Capodanno lunare cinese, previsto il 7 febbraio, che si accompagna alla più grande migrazione umana annuale al mondo. Secondo le ferrovie, il flusso di passeggeri dovrebbe tornare alla normalità fra due o tre giorni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francia, arriva la stretta sulla sicurezza: “Agenti armati fuori dal servizio, manette più facili e irresponsabilità penale”

prev
Articolo Successivo

Primarie Usa 2016. Sanders, il ‘socialista’: da outsider a spina nel fianco del Partito Democratico

next