Alcuni studenti dell’università romana Quasar hanno deciso di scriversi il nome della loro università sulla fronte e di fotografarsi in risposta al contest degli studenti universitari milanesi che, all’invito #Escile, hanno risposto con una valanga di foto osé. “A differenza dei colleghi milanesi noi abbiamo deciso di metterci la faccia e soprattutto la testa”, hanno spiegato i ragazzi, ideatori della contro-iniziativa.

“Siamo felici di questa trovata dei nostri studenti, perché proprio in questi giorni stiamo lanciando una nuova campagna sulla necessità di accompagnare la valorizzazione del loro talento“, ha spiegato Luna Todaro, direttrice di QDU. “Siamo orgogliosi di aver intercettato questa richiesta dei giovani lanciando questo ‘advertising sociale‘ che ha come obiettivo di far ritornare centrale il talento dei ragazzi italiani nella discussione anche politica e sociale”, ha poi detto Pasquale Diaferia, direttore creativo (con la sua Special Team) della nuova campagna QDU.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casa Vianello, la coppia di domestici: “Strane presenze nei corridoi. Che siano i fantasmi di Sandra e Raimondo?”

next
Articolo Successivo

Diversity Media Awards, gli oscar italiani per chi valorizza il mondo LGBT. Tra le nomination Barbara d’Urso e Fedez

next