Con il 2015 ormai alle spalle anche per l’EuroNCAP è tempo di bilanci: l’ente indipendente europeo per la sicurezza automobilistica ha confrontato tutti i modelli testati nei 12 mesi appena trascorsi, stilando una classifica della auto più sicure nelle rispettive categorie. In totale sono 8 le auto premiate, la Volvo XC90, la Mercedes-Benz GLC, la Jaguar XE, l’Infiniti Q30, la Honda Jazz, la Ford Galaxy, la Volkswagen Touran e la Mazda MX-5.

Risultati cha spaziano dai grandi Suv alle supermini – i nomi delle categorie sono quelli utilizzati dall’EuroNCAP – ottenuti sommando i punteggi totalizzati nelle quattro aree di valutazione, e cioè sicurezza adulti, bambini, pedoni e Safety Assist, e particolarmente attendibili alla luce dell’accuratezza dei test effettuati, che nel 2015 hanno subìto un giro di vite diventando ancora più severi: non stupisce dunque che le auto elette “Best in class” appartengano a case automobilistiche che hanno potenziato ulteriormente i loro sistemi di sicurezza, soprattutto dal punto di vista tecnologico. L’esempio più eclatante è forse quello della Volvo XC90, che ha totalizzato il 100% grazie a equipaggiamenti di serie come il controllo elettronico di stabilità, il sensore cinture per sedili anteriori e posteriori, avviso del cambio corsia e un sistema di frenata d’emergenza che ha ottenuto il massimo del punteggio.

Anche in questa occasione, dalle verifiche è emerso il divario tra le vetture presenti nelle categorie di dimensioni più elevate come berline, monovolume e Suv (che ottengono in larga parte un verdetto di 5 stelle dopo i vari test) e le più compatte supermini. Solo Honda Jazz e Suzuki Vitara, su nove vetture esaminate nel loro segmento, sono state valutate con 5 stelle, e a ottenere il titolo di ‘Best in class’ è stata alla fine la Honda, complici i buoni risultati ottenuti nella protezione degli adulti e dotazioni di serie come l’avviso per le cinture di sicurezza sia davanti sia dietro.

Poche sorprese anche nella categoria”piccoli” Suv, dove a svettare sulle concorrenti c’è la Mercedes GLC, e in quella delle grandi familiari, in cui la Jaguar XE ha battuto di un soffio la Toyota Avensis (in totale sono state 6 le auto testate, tutte con il punteggio massimo di 5 stelle) grazie alla completezza dei sistemi di sicurezza, tutti equipaggiati di serie. Tra le auto per familgia piccole a ottenere il plauso di EuroNCAP è stata invece la Infiniti Q30, completa non soltanto dal punto di vista dei sistemi di sicurezza ma anche per quanto riguarda la protezione dei pedoni: merito di uno speciale cofano attivo, che grazie ai sensori posizionati sul paraurti viene “avvisato” di avere colpito una persona e si solleva per attutire l’impatto con il vano motore.

Tra le monovolume, EuroNCAP ha deciso di premiare per le grandi la Ford Galaxy e per le “piccole” (o medie) la Volkswagen Touran, mentre a chiudere la tornata hanno pensato le vetture sportive, con la Mazda MX-5 che ha totalizzato ottimi punteggi soprattutto dal punto di vista della protezione dei pedoni nonostante la caratteristica conformazione aperta: la scattante giapponese non è comunque andata oltre le 4 stelle, staccando comunque di netto la Audi TT e la BMW Z4.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrari, Marchionne pensa di aumentare la produzione da 7.000 a 9.000 l’anno

next
Articolo Successivo

Volkswagen, commissaria Ue chiede risarcimento anche per i clienti europei

next