“Avevano intenzione di attaccare piazza Kizilay ad Ankara la notte di Capodanno”. E’ con questa accusa che due membri dello Stato Islamico sono stati arrestati nella capitale turca, nel distretto di Mamak. Secondo le forze dell’ordine i due aspiranti kamikaze erano entrati in Turchia passando per la Siria e stavano pianificando un attentato per la notte del 31 dicembre. A ottobre un doppio attentato suicida nella capitale ha causato la morte di oltre cento persone e da allora le autorità turche hanno aumentato le operazioni per contrastare i militanti.

Nella notte tra il 27 e il 28 dicembre a Bruxelles sono stati arrestati due sospetti terroristi, accusati di voler organizzare “un attacco nel corso delle feste per la fine dell’anno” nella capitale del Belgio. I due non sarebbero legati, secondo le prime ricostruzioni, agli attacchi di Parigi del 13 novembre scorso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, l’imbuto greco: Tsipras chiede risorse all’Ue (come Erdogan). E intanto tra Smirne e Lesbo si continua a morire

next
Articolo Successivo

Stragi Parigi, “terroristi coordinati dal Belgio”. Bruxelles cancella festa e fuochi di Capodanno per allarme attentati

next