farmaci 675

Negli ultimi giorni dell’anno è stato presentato in Senato un nuovo disegno di legge, grazie a Michela Montevecchi come prima firmataria, che prende spunto dal caso Avastin-Lucentis per cercare di modificare una legge del 1996.

L’articolo 1 del decreto legge 21 ottobre 1996, n. 536, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 dicembre 1996, n. 648, in materia di impiego di medicinali che impone limiti specifici ai farmaci in modo tale che non si possano utilizzare nemmeno quando esistano evidenziazioni clinico-scientifiche di sicurezza, di utilizzo e di risparmio sociale come l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha più volte stabilito.

Ringrazio personalmente Michela Montevecchi che ha deciso di non abbandonare la presa al pari del sottoscritto che ha iniziato questa lotta dalle pagine di questo sito il 29 settembre 2011 e che continuerà anche nel 2016 in attesa che Napoleone Ferrara del Consiglio Superiore della Sanità insieme al ministro della Salute Beatrice Lorenzin possano porre la parola fine rispondendo agli italiani.

Il 2016 sarà l’anno della svolta? Auguriamocelo di cuore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Telefonate indesiderate: la guerra al telemarketing selvaggio costa tre milioni l’anno. Senza risultati – Replica

prev
Articolo Successivo

Terrorismo, quanto ci costa?

next