Le “piccole” di Casa Porsche, la spider Boxster e la coupé Cayman, dall’anno prossimo aggiungono un numero al loro nome: il 718. Le due sportive a motore centrale rendono così onore a un modello, la 718 appunto, divenuto celebre alla fine degli anni 50 grazie alle numerose vittorie nelle corse automobilistiche più celebri di quegli anni. L’erede della Porsche 550 Spyder, col suo motore boxer a quattro cilindri, vinse la 12 Ore di Sebring nel 1960, il Campionato Europeo della Montagna tra il 1958 e il 1961, e per tre volte la Targa Florio in Sicilia. Alla 24 Ore di Le Mans 1958, ricorda la Casa, la 718 RSK conquistò la vittoria di classe. Le versioni restyling di Boxster e Cayman, attese al Salone di Ginevra 2016, passeranno al turbo, come già ha fatto la più grande 911. I due modelli avranno la medesima potenza e, come già avviene per la 911, la versione scoperta avrà un prezzo di listino più elevato rispetto a quello della coupé.

Nella foto in alto, i loghi e i bozzetti delle “nuove 718”. Sotto, da www.targaflorio.info, Edgar Barth e Wolfgang Seidel vincono la 43esima Targa Florio nel 1959 a bordo della Porsche 718 RSK 1500.

59porsche

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

McLaren 675LT Spider, la supercar si scopre: 500 esemplari da 350.000 euro – FOTO

next
Articolo Successivo

Jaguar Land Rover, nuova fabbrica in Slovacchia, sarà attiva nel 2018

next