Doveva farlo anche la BMW, dopo che l’Audi con l’A3 Sedan e la Mercedes con la CLA avevano già esplorato il segmento delle berline compatte del cosiddetto “segmento C”. Al Salone di Guangzhou, in Cina, la Casa di Monaco ha svelato la Concept Compact Sedan, una quattro porte più piccola della Serie 3, che secondo il responsabile del Design del Gruppo, Adrian van Hooydonk, “rivela il potenziale che vediamo nelle berline compatte”. Al momento la BMW non ha confermato la produzione del modello né ha diffuso informazioni sulle caratteristiche meccaniche, ma raramente la Casa tedesca mostra concept car che rimangono puri esercizi di stile: di solito anticipano una versione di serie. Data la richiesta di questo tipo di carrozzeria in molte zone del mondo, Cina compresa, e data la disponibilità di una piattaforma modulare a trazione anteriore (o integrale) come la Ukl già usata per la Serie 2 Active Tourer e la nuova X1, non è azzardato scrivere che di questa macchina sentiremo parlare ancora. La prossima generazione della Serie 1 potrebbe avere una terza variante di carrozzeria, oltre alla 3 e alla 5 porte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alfa Romeo Giulia, a Los Angeles svelato il secondo motore, 2.0 turbo 280 CV– FOTO

prev
Articolo Successivo

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, è on line il configuratore Usa, ma senza prezzi

next