Nel 2012 fecero irruzione nell’allevamento Green Hill  di Montichiari (Brescia) e liberarono decine di cani beagle destinati alla sperimentazione. Per questo dodici animalisti sono stati condannati in primo grado per furto aggravato dal tribunale di Brescia: per due di loro la pena, sospesa, è di dieci mesi e 450 euro di multa. Gli altri dieci invece sono stati condannati a 8 mesi e una multa di 300 euro.

Tra gli imputati solo una ragazza è stata assolta: nel blitz si era limitata ad accompagnare in macchina i compagni ma non si era introdotta nell’allevamento. “Sono contenta – ha detto piangendo fuori dal tribunale – anche se mi dispiace per i compagni che continueranno a lottare. Rifarei mille volte quello che ha fatto”. Un pensiero simile a quello di chi è stato condannato: “Rifarei tutto, ho solo salvato dei cani da un lager“, ha affermato un ragazzo dopo la lettura della sentenza.

L’allevamento infatti fu messo sotto sequestro pochi mesi dopo l’irruzione. A gennaio 2015, i titolari furono condannati per maltrattamento sugli animali. Per questo la Lav (Lega antivivisezione) auspica  che “la Corte d’Appello possa valutare diversamente i fatti, alla luce dei successivi accadimenti nella struttura e relative vicende processuali, nonché un intervento legislativo che intervenga a chiarire una volta per tutte che un animale non può essere considerato mera proprietà privata”.

Il pm Ambrogio Cassiani aveva chiesto pene più pesanti, in un caso fino a quattro anni. Nonostante questo, i vertici di Green Hill si sono dichiarati parzialmente soddisfatti per l’esito della vicenda: “La sentenza vede in parte riconosciuti i danni subiti e soprattutto vede evidenziato dal tribunale il fatto che l’assalto all’allevamento non è stato un atto di liberazione di animali, ma un vero e proprio furto aggravato e danneggiamento”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega Nord, consulente del pm: “Da multe a lavori in villa, mezzo milione ai Bossi”

next
Articolo Successivo

Varese, trasferito il pm del caso Uva: “Ritardi e negligenze nelle indagini per l’omicidio di una 21enne”

next