C’era chi timbrava il cartellino in mutande e ciabatte e tornava a casa. E c’era chi andava a fare gite in canoa; altri ancora non andavano proprio al lavoro. E’ quanto emerge da una maxi-inchiesta per assenteismo della procura di Imperia che ha portato a 35 arresti, otto  obblighi di firma e 71 denunce a piede libero tra i dipendenti dell comune di Sanremo. Il blitz della Guardia di Finanza è avvenuto stamattina intorno alle otto; quindici autovetture delle Fiamme Gialle sono arrivate per perquisire Palazzo Bellevue, sede del Comune, e in altri uffici distaccati.

A far partire l’indagine era stata una segnalazione di due anni fa dell’allora sindaco Maurizio Zoccarato. L’ex primo cittadino, tuttavia, non ha voluto rilasciare dichiarazioni ufficiali, in accordo con l’attuale sindaco Alberto Bianchieri. Tra i reati contestati dalla Procura c’è il reato di truffa ai danni dello Stato per uso indebito del cartellino e assenze dal lavoro. Dopo la denuncia di Zoccarato la Gdf ha installato videocamere di sorveglianza in molte tra le 21 sedi comunali per controllare i movimenti dei dipendenti. In particolare sono state monitorati gli uffici del Palazzo Comunale, dei Servizi demografici, dei Servizi sociali e del reparto fognature. E’ stato quindi accertato che molti lavoratori timbravano il cartellino e poi se ne andavano. Altri si facevano timbrare da altri colleghi per coprire ritardi o uscite anticipate. In un caso, un dipendente risultava regolarmente in ufficio, addirittura in straordinario, quando in realtà andava in canoa vantandosi dei propri risultati sportivi sui social network. In un altro filmato, invece, un vigile urbano, custode dell’anagrafe, timbra in ciabatte e mutande prima di allontanarsi di fretta dal posto di lavoro. 

Altri 82 sono invece colpevoli di reati di minore gravita. In totale quindi gli assenteisti, tra dipendenti e funzionari, sono 196, cioè oltre il 70% tra le 272 persone controllate. L’indagine è coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica di Imperia, Maria Paola Marrali. “E’ stato accertato un sistema scellerato. E’ mai possibile che all’interno di un ufficio non ci si avveda di una situazione così grave? L’obbiettivo è stato raggiunto in modo esemplare. E’ la fine di un malcostume che andava avanti da tempo”, ha affermato il magistrato in una conferenza stampa. Non si escludono sviluppi di altri filoni di inchiesta che hanno già riguardato il comune di Sanremo negli anni scorsi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Appalti Anas, a Roma 10 arresti per corruzione. Pignatone: “Deprimente, c’era l’ufficio mazzette”. Le intercettazioni

next
Articolo Successivo

Corruzione, “ok a progetti in cambio di lavoro ai famigliari”: arrestata direttrice del carcere minorile di Milano

next