di Carblogger

Un’auto elettrica come una caldaia o un infisso. E’ la “strana” idea di Bruno Mattucci, numero uno di Nissan Italia. In occasione della presentazione della nuova Leaf con la batteria da 30 chilowattora e 250 km di autonomia (50 in più rispetto alla precedente), la Casa giapponese ha chiesto al governo di equiparare l’acquisto di un’auto elettrica alla sostituzione di una caldaia o degli infissi di un’abitazione.

Il perché è presto detto: per caldaie e infissi, il governo prevede delle detrazioni fiscali legate alla efficienza energetica. E via con gli esempi: considerando una spesa di 3 mila euro per una caldaia, si ottengono benefici fiscali di 195 euro per 10 anni. Se stimiamo in 737 kg il taglio alle emissioni di CO2 ottenuti con una caldaia nuova, si ottiene un valore di 26 centesimi di euro per ogni kg di CO2 emesso in meno. Ripetendo il calcolo per gli infissi, le detrazioni previste per 64 centesimi per ogni kg di CO2 risparmiato.

detrazioniDando per buono il ragionamento e la volontà di premiare il risparmio energetico (piuttosto che la reale esigenza del governo di far emergere il “nero”), prendendo un valore medio di 45 centesimi di euro per ogni kg di CO2 tagliato, chi acquista una Leaf dovrebbe avere per Nissan una detrazione di 677 euro all’anno per 10 anni.

Il ragionamento è senza dubbio originale e interessante e può essere girato direttamente al presidente Renzi. Un vantaggio fiscale per chi acquista un’auto elettrica sembra una buona soluzione. Tanto più se i numeri ridotti (previsione di 1.850 unità in Italia nel 2015) ne rendono possibile addirittura la copertura finanziaria.

Ho il dubbio che il governo però, distratto da riforme importanti, non abbia in buona considerazione la politica ambientale (le trivellazioni del “vecchio” petrolio al sud ne sono una parziale dimostrazione). Ne tanto meno l’auto elettrica sulla quale il costruttore nazionale ha da sempre dimostrato il suo scarso interesse. Magari però mi sbaglio.

Twitter: @Carblogger_it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Volkswagen, avanti col toto-multa

prev
Articolo Successivo

Marchionne, la lezione degli operai americani

next