mantovani 675

Le vicende che vedono coinvolto Mantovani come assessore alla sanità del tempo e tante altre simili nella sanità italiana spingono ad una valutazione politica complessiva sulle regole e sulla gestione della sanità in Lombardia e in Italia. Appare chiaro che ormai la sanità è considerata a livello regionale il principale canale di consenso elettorale per i partiti delle diverse maggioranze, tramite controllo degli appalti, nomine, assunzioni, finanziamenti.

La trasformazione della sanità da strumento di tutela della salute a strumento politico-elettorale è possibile anche perché coloro che sono i nominali responsabili della gestione, cioè i direttori generali delle aziende sanitarie, sono scelti esclusivamente in base all’appartenenza (e ubbidienza) politica e alla vicinanza a gruppi e sottogruppi di potere interni ai partiti. Essi divengono così i veri segretari-amministratori-finanziatori dei partiti e delle loro articolazioni interne a livello regionale.

Per interrompere questo “processo infettivo” che si alimenta a spese dei contribuenti e della salute dei cittadini, c’è una sola strada, indicata ormai da anni dai radicali anche con proposte di legge: togliere la nomina dei direttori generali agli assessori e alle loro maggioranze, affidando la scelta di quelle figure dirigenziali a società nazionali ed internazionali specializzate.

Compito della politica è indicare programmi di politica sanitaria e di salute, fissare obiettivi quantitativi chiari anche nei tempi per le aziende sanitarie e valutare il loro raggiungimento o meno. Altrimenti le vicende di appalti manipolati, favori ricevuti, lottizzazioni, privilegi, umiliazione del merito e delle capacità professionali, irrisione delle reali esigenze di salute dei cittadini non avranno mai fine.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Terrorismo, a Genova la Digos scheda chi lascia “mi piace” pro-jihadisti

next
Articolo Successivo

Don Mauro Inzoli, la procura di Cremona ha chiesto 12 anni di carcere per violenza sessuale e abuso di minori

next