E’ testa a testa tra iOS e Android su Pornhub, sito di video hard da 18 miliardi di accessi l’anno e da 60 milioni al giorno, che ha diffuso i dati relativi a traffico e ricerche relativi al mese di settembre. Gli utenti di Apple sono il 31%, quelli di Android il 32%. E un utente su quattro è donna. Tra i dati più interessanti, il netto incremento della connessione al sito da mobile: nei primi nove mesi del 2015 il traffico da smartphone ha sfiorato il 63%, mentre cinque anni prima toccava appena il 12% e il restante 88% proveniva da desktop.

La maggior parte degli utenti che si collega a Pornhub usa Android: in Italia questa percentuale arriva al 52% mentre Apple si ferma al 32%. Diversi anche i “gusti” e le ricerche in base al sistema operativo: chi usa iOs preferisce le categorie bondage e fetish rispettivamente il 105% e 66% in più degli utenti Android e cerca principalmente le parole lesbian, step mom, teen, step sister e milf.

Gli utenti Android prediligono invece le “sezioni” ebony e cartoon. Anche per loro la parola più cercata è lesbian, seguita però da cartoon, black, teen, step mom e step sister. Ma tra le ricerche più effettuate ci sono anche alcuni nomi, cioè quelli di Kim KardashianLisa Ann e Mia Khalifa. Diversa anche la permanenza sul sito: chi ha Apple passa in media 8.40 minuti sul sito con 9.8 pagine viste. Il tempo medio di permanenza per chi ha Android è di 10.06 minuti, per un totale di 10.9 pagine viste.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“La favola che non conoscevi”: il festival sulle fiabe di mamme e papà da tutto il mondo

prev
Articolo Successivo

Energy box 2015, a Milano i writer trasformano le centraline semaforiche in opere d’arte

next