Il biochimico austriaco Gottfried Schatz, a cui si deve la scoperta del Dna mitocondriale, è morto giovedì a Basilea, sua città svizzera d’adozione, all’età di 79 anni. Nato a Strem (Austria) nel 1936, dopo la laurea in chimica e biochimica all’Università di Graz (1961), Schatz ottenne un incarico come professore alla Cornell University di Ithaca, nello stato di New York (1968-74).

Tornato in Europa, è stato direttore del Biozentrum dell’Università di Basilea (1983-85), segretario generale dell’Embo (European Molecular Biology Organization, 1984-89) e presidente del Swiss Science and Technology Council (2000-03).  Con i suoi studi, Schatz ha chiarito il meccanismo della biogenesi dei mitocondri e contribuito alla scoperta del Dna mitocondriale. Ha ricevuto numerosi premi, tra i quali la Wilson Medal dell’American Society of Cell Biology (2000) e il Premio internazionale Antonio Feltrinelli dell’Accademia dei Lincei (2004).

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hiv, scoperta una proteina che può bloccare la diffusione del virus. Lo studio italiano pubblicato su Nature

next
Articolo Successivo

Vaccinazioni in calo in Italia. Oms: “Numeri più bassi che nei Paesi dell’Est”

next