Il biochimico austriaco Gottfried Schatz, a cui si deve la scoperta del Dna mitocondriale, è morto giovedì a Basilea, sua città svizzera d’adozione, all’età di 79 anni. Nato a Strem (Austria) nel 1936, dopo la laurea in chimica e biochimica all’Università di Graz (1961), Schatz ottenne un incarico come professore alla Cornell University di Ithaca, nello stato di New York (1968-74).

Tornato in Europa, è stato direttore del Biozentrum dell’Università di Basilea (1983-85), segretario generale dell’Embo (European Molecular Biology Organization, 1984-89) e presidente del Swiss Science and Technology Council (2000-03).  Con i suoi studi, Schatz ha chiarito il meccanismo della biogenesi dei mitocondri e contribuito alla scoperta del Dna mitocondriale. Ha ricevuto numerosi premi, tra i quali la Wilson Medal dell’American Society of Cell Biology (2000) e il Premio internazionale Antonio Feltrinelli dell’Accademia dei Lincei (2004).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Hiv, scoperta una proteina che può bloccare la diffusione del virus. Lo studio italiano pubblicato su Nature

prev
Articolo Successivo

Vaccinazioni in calo in Italia. Oms: “Numeri più bassi che nei Paesi dell’Est”

next