Gara dominata dalle Mercedes, con Lewis Hamilton che torna a vincere davanti al compagno di scuderia Nico Rosberg. Buona gara per le Ferrari di Vettel e Raikkonen che chiudono al terzo e quarto posto, guadagnando qualche posizione rispetto alla griglia di partenza.

Per le ‘Frecce d’Argento’ si tratta dell’ottava doppietta, per Hamilton sempre più proiettato verso il titolo Mondiale è la seconda vittoria di fila sul circuito nipponico. Grazie a questo successo, l’ottavo stagionale, il pilota inglese raggiunge, a quota 41 trionfi in carriera, il grande Ayrton Senna. Quinto posto per la Williams di Valtteri Bottas davanti alla Force India di Nico Hulkenberg, quindi le due Lotus di Romain Grosjean e Pastor Maldonado. Completano la top ten Max Verstappen, nono dopo una gran rimonta al volante della Toro Rosso e il compagno di team Carlos Sainz, 11° Fernando Alonso su McLaren. Male le Red Bull, che chiudono con il 13° posto di Kvyat e il 15° di Ricciardo. In classifica generale Hamilton porta a 48 punti il distacco dall’inseguitore Rosberg. Prossimo appuntamento, il Gran Premio di Russia a Sochi in programma l’11 ottobre.

“Risultato molto soddisfacente? No, è un altro podio su un circuito molto difficile. Le gare molto soddisfacenti sono quelle come a Singapore, qui siamo stati bravi a reagire dopo il venerdì e il sabato mattina. Credo sia un podio meritato”. Così Maurizio Arrivabene, team principal della Ferrari, ha commentato la prestazione della Rossa nel Gran Premio del Giappone. “Se mi aspettavo qualcosa di meno? In realtà mi aspettavo qualcosa di meno viste le caratteristiche di questo tracciato, quindi diciamo che quando non vinci non va bene, ma in questo caso va bene così”, ha spiegato ai microfoni di Sky Sport. “Se ci ha colti impreparati il pit stop in anticipo di Rosberg? No, si sarebbe potuto provare a fare una cosa molto aggressiva ma poi sarebbe stato un pò pericoloso più avanti per le gomme, per cui va bene così”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

F1, Gp del Giappone: pole position per Nico Rosberg. Quarta la Ferrari di Vettel

prev
Articolo Successivo

Formula 1, Gp Giappone: premiate le modifiche del team Mercedes

next