L’Italia del volley si qualifica per le Olimpiadi di Rio de Janeiro. Il pass per i giochi è arrivato grazie a un’impresa nella World Cup in Giappone: 3 a 1 sulla Polonia, ancora imbattuta nel torneo e campione del mondo in carica. Ma per volare in Brasile non sarebbe bastata la vittoria, bisognava superare i polacchi di almeno due set per superarli in classifica e così è stato; gli azzurri chiudono quindi il torneo al secondo posto dietro gli Stati Uniti, con 10 vittorie su 11 partite.

La partita contro i campioni del mondo è stata tirata: dopo il primo set vinto al tie-break e il secondo perso 25-22, gli azzurri non potevano più sbagliare. Con tutta la pressione addosso l’Italia è andata sotto 6-3 nel terzo ma poi ha reagito e ha concluso il set sul 25-22 e ha vinto anche il quinto 25-19. A quel punto è esplosa la festa di tutta la squadra.

“Sono contento e orgoglioso dei ragazzi e della squadra, hanno dimostrato grande attaccamento, grande volontà, ringrazio tutti loro perché se lo sono meritato, e ci hanno regalato questo grande risultato”, ha commentato il ct azzurro Gianlorenzo Blengini. Tanto entusiasmo anche per il libero Massimo Colaci: “E’ la soddisfazione più grande della mia carriera. Centrare un risultato così importante con la maglia della nazionale ti da un gusto che non si può spiegare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mondiali di ciclismo 2015: da Baldini a Ballan, tre domande agli ex campioni iridati – I

prev
Articolo Successivo

Calcio, ‘Non League’: senza agenti, qui non serve sopperire alla mancanza di talento

next