Il primo posto del girone B è della Serbia, ma l’Italia non sfigura fino a quando non tira i remi in barca, priva anche di Belinelli. Dopo la due giorni magica contro Spagna e Germania, gli azzurri perdono 101-82 davanti agli slavi, ancora imbattuti e trascinati dal duo Teodosic (26) e Bjelica (19). Il playmaker ne piazza 14 già nel primo periodo, punti rintuzzati da Bargnani per il 19-25 alla sirena. Nel secondo l’Italia si rifà sotto, ancora con l’ex Raptor e poi con Della Valle, impiegato da Pianigiani che tiene a riposo Belinelli per un affaticamento muscolare.

Ma il -3 è respinto da Raduljica e al riposo lungo la squadra di Djordjevic è avanti di 8 lunghezze (40-48). Cinciarini è presente, ma i serbi si scatenano e con un parziale di 11-2 spaccano in due la partita. Dal 55-70 del 28’ si va avanti con l’accademia e trovano spazio le seconde linee. Ora l’Italia dovrà attendere i match serali Germania-Spagna, Turchia-Islanda e, soprattutto, Israele-Francia per capire in quale posizione chiuderà il girone e quindi chi sarà l’avversaria di domenica a Lille. Salvo clamorosi inciampi dei turchi contro l’Islanda, l’Italia chiuderà terza (anche in caso di arrivo a tre con la Spagna) e affronterà gli israeliani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vuelta 2015, impresa di Fabio Aru nella crono. Maglia rossa a Domoulin

prev
Articolo Successivo

Coni Lombardia e quei 3mila euro alla senatrice del Pd. Che dice: “Non so nulla e non ho mai svolto quella attività”

next