Pettinatevi bene e frugate nel baule della nonna perché se volete essere perfetti per il Summer Jamboree non basta improvvisarsi pin up o rockers, bisogna esserlo davvero. A Senigallia, sulla Riviera Adriatica, appassionati e curiosi si sono dati appuntamento da tutto il mondo per la XVI edizione del Summer Jamboree, il Festival Internazionale di musica e cultura dell’America anni ’40 e ’50 (dal 1 al 9 agosto). Partito come una festa tra vecchi amici, il “jambo” – come lo chiamano i veterani – è tra gli happening più importanti d’Europa. Sicuramente il primo in Italia. E sebbene ci sia chi sostiene che non è più come i primi anni, bisogna ammettere che rimane un concentrato di musica, stile e divertimento molto significativo. Si balla in spiaggia, per strada e nelle piste posizionate ad hoc nelle piazze di Senigallia. Ovunque insomma.
Quest’anno nei tre palchi previsti per i concerti e i dj set si alternano big del Rock’n’Roll internazionale come Gary U.S. Bonds, divenuto amico di Bruce Springsteen con la sua “Quarter to Three”, Bobby Brooks Wilson, figlio del leggendario Jackie Wilson, Gary “Detroit” Wiggins e nomi famosi nella scena italiana come i Good Fellas e i giovani The Backseat Boogie. E ancora Dj set dal mattino fino a notte fonda. Gli imperdibili italiani sono Giusy Wild e Andy Fisher e dall’Olanda un signore che da oltre 35 anni gira i palchi dei festival più famosi: At’s Crazy Record Hop. E ancora spettacoli di Burlesque con Eve La Plume e Grace Hall e dance camp per imparare a ballare, perché fidatevi, il Rock’n’Roll è contagioso.
Abbiamo incontrato Angelo Di Liberto, direttore creativo del Festival, per parlare di passioni ma anche di difficoltà nell’organizzare e mantenere puro un Festival in Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Isabella Ambrosini: “Io, direttore d’orchestra donna in un mondo ancora troppo maschile”

prev
Articolo Successivo

Paola Turci: “Il consumo musicale è diventato molto rapido. Ma la qualità sopravvive a velocità e mode”

next