Volete prendervi una vacanza da tutte le abitudini quotidiane? Il lavoro, la suocera, le bollette e persino i vestiti che dovete indossare ogni giorno? A quanto pare, c’è quello che fa per voi: una crociera “Bare Necessities“, tour operator texano specializzato in crociere per nudisti. Mete da sogno, dalla Polinesia ai Caraibi, dalla Florida alla Turchia, e prezzi persino modici, visto che ci si aggira attorno ai 1500 euro a persona. Ovviamente si può stare nudi quando, quanto e dove vi pare, tranne che in due circostanze: l’arrivo nei porti e il cocktail di benvenuto con il capitano.

Sul sito della Bare Necessities, la presidente Nancy Tiemann spiega nel dettaglio il perché di questa scelta e promette di liberare i viaggiatori dalle convenzioni sociali: “Viaggiate con noi anche solo una volta e cambieremo per sempre il vostro modo di fare le vacanze. Tutto quello che avete da perdere sono secoli di falsi condizionamenti. Credetemi: quando avrete perso il ‘bagaglio extra’ sarete molto più leggeri e felici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La top 10 dei video più ‘pop’ del 2015. Sesso, cronaca e politica: purché sia spettacolare

next
Articolo Successivo

Nina Moric nuda (ma pixelata) nel video della sua ultima canzone: un’atrocità che avremmo evitato volentieri

next