Nel fascino millenario di Cortona (Arezzo), le cui radici affondano nella civiltà etrusca, ormai è diventato un appuntamento estivo immancabile il Cortona Mix Festival. Si tratta della quarta edizione. La manifestazione inaugurata nel 2012 e promossa da Comune di Cortona, Gruppo Feltrinelli e Regione Toscana, prevede anche quest’anno, dal 25 luglio al 2 agosto, musica, narrazione, attualità, cinema, teatro, danza e spettacolo.

Fra le antiche mura, i palazzi storici, le chiese e chiostri, si potranno incontrare autori come Daniel Pennac, domenica 26 luglio, il premio Strega 2015 Nicola Lagioia, lunedì 27 luglio, e Concita De Gregorio, sabato 1 agosto. Altri nomi attesi del teatro e della musica sono quelli di Mauro Avogadro, Ale & Franz, Stefano di Battista, Frank London, Giovanni Sollima e Nina Zilli.

Ma non mancherà l’impegno sociale con le testimonianze di Emanuela Imprescia e Brunello Cucinelli, e al contempo sarà possibile ritornare bambini riscoprendo la favola Cenerentola di Rossini con il “Coro dei bambini” e dei “Cittadini di Cortona”. Momenti pensati per coprire gli interessi di ogni fascia di età.

Spazio anche ai festeggiamenti per i 60 anni della Feltrinelli con la mostra “Feltrinelli 60. Idee, scelte, storie che fanno futuro” con documenti, fotografie e aneddoti, inaugurata da Carlo Feltrinelli e con l’incontro con Inge Feltrinelli, seguire la presentazione del progetto #sfidolafame, con Pulsatilla, Candida Morvillo e Beatrice Masini.

Nelle sue prime tre edizioni tra i protagonisti si ricordano: l’energia contagiosa di Lorenzo Jovanotti; la classe di Roberto Vecchioni e Enrico Ruggeri; le intense performance di maestri come Stefano Bollani, Emir Kusturica e Steve Hackett; gli appuntamenti con scrittori come Roberto Saviano, Erri De Luca e Stefano Benni; la magia della danza, con le grandi compagnie europee e la classe delle étoiles Eleonora Abbagnato e Mara Galeazzi.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mutilazioni genitali femminili, Gloria, ex mutilatrice: “Quando le praticammo su una bambina di 9 anni…”

next
Articolo Successivo

Sesso, “Pene troppo grosso per il preservativo?” La teenager americana demolisce la scusa con un tweet

next