Nel fascino millenario di Cortona (Arezzo), le cui radici affondano nella civiltà etrusca, ormai è diventato un appuntamento estivo immancabile il Cortona Mix Festival. Si tratta della quarta edizione. La manifestazione inaugurata nel 2012 e promossa da Comune di Cortona, Gruppo Feltrinelli e Regione Toscana, prevede anche quest’anno, dal 25 luglio al 2 agosto, musica, narrazione, attualità, cinema, teatro, danza e spettacolo.

Fra le antiche mura, i palazzi storici, le chiese e chiostri, si potranno incontrare autori come Daniel Pennac, domenica 26 luglio, il premio Strega 2015 Nicola Lagioia, lunedì 27 luglio, e Concita De Gregorio, sabato 1 agosto. Altri nomi attesi del teatro e della musica sono quelli di Mauro Avogadro, Ale & Franz, Stefano di Battista, Frank London, Giovanni Sollima e Nina Zilli.

Ma non mancherà l’impegno sociale con le testimonianze di Emanuela Imprescia e Brunello Cucinelli, e al contempo sarà possibile ritornare bambini riscoprendo la favola Cenerentola di Rossini con il “Coro dei bambini” e dei “Cittadini di Cortona”. Momenti pensati per coprire gli interessi di ogni fascia di età.

Spazio anche ai festeggiamenti per i 60 anni della Feltrinelli con la mostra “Feltrinelli 60. Idee, scelte, storie che fanno futuro” con documenti, fotografie e aneddoti, inaugurata da Carlo Feltrinelli e con l’incontro con Inge Feltrinelli, seguire la presentazione del progetto #sfidolafame, con Pulsatilla, Candida Morvillo e Beatrice Masini.

Nelle sue prime tre edizioni tra i protagonisti si ricordano: l’energia contagiosa di Lorenzo Jovanotti; la classe di Roberto Vecchioni e Enrico Ruggeri; le intense performance di maestri come Stefano Bollani, Emir Kusturica e Steve Hackett; gli appuntamenti con scrittori come Roberto Saviano, Erri De Luca e Stefano Benni; la magia della danza, con le grandi compagnie europee e la classe delle étoiles Eleonora Abbagnato e Mara Galeazzi.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mutilazioni genitali femminili, Gloria, ex mutilatrice: “Quando le praticammo su una bambina di 9 anni…”

prev
Articolo Successivo

Sesso, “Pene troppo grosso per il preservativo?” La teenager americana demolisce la scusa con un tweet

next