Accesso negato alle riviste scientifiche per docenti universitari e scienziati greci. A rivelare questo ulteriore risvolto della crisi finanziaria ellenica è il sito Nature Online. Dall’1 luglio l’Hellenic Academic Libraries Link (Heal-Link), portale web che forniva a molte università e istituti di ricerca l’accesso alle edizione online di 27 testate specialistiche, non è più attivo. Il motivo della sospensione dei servizi? Il governo Tsipras non ha concesso i fondi per rinnovare l’abbonamento.

Il sito, che ha accordi con molte grandi case editrici come Elsevier e Springer, è stato più volte in difficoltà negli ultimi dieci anni. “Ma ora di fronte alla minaccia di fallimento dello Stato – spiega Nature – gli scienziati non si aspettano i fondi di salvataggio” per renderlo di nuovo disponibile. Un problema serio per gli studiosi ellenici come spiega il direttore dell’Imbb-Forth, l’Istituto di biologia molecolare e biotecnologie, Nektarios Tavernarakis: “Heal-Link è vitale per le università, che raramente dispongono di fondi per abbonamenti a riviste istituzionali”.

I costi del portale erano in parte a carico del governo greco, in parte coperti dai fondi regionali di sviluppo dell’Unione europea. Una portavoce di Heal-Link, dopo aver confermato le difficoltà, ha commentato che “ora con tutto quello che sta succedendo in Grecia, non possiamo davvero prevedere cosa accadrà”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Facebook vale 250 miliardi di dollari. Capitalizzazione raddoppiata in tre anni

prev
Articolo Successivo

Grecia, produttori farmaci Ue: “Necessari misure straordinarie e blocco export”

next