È morto a 83 anni al Cairo l’attore egiziano di origine libanese Omar Sharif. Uno dei volti più amati di Hollywood tra gli anni Sessanta e Settanta, Sharif deve la sua notorietà ad alcuni ruoli rimasti nella storia del cinema mondiale, dal Dottor Zivago (tratto dal romanzo di Pasternak) a Sherif Ali in Lawrence d’Arabia, al fianco di Peter O’Toole. Proprio questi due capolavori cinematografici gli avevano permesso di vincere altrettanti Golden Globe, anche se l’Oscar non è mai arrivato, nonostante una nomination per Lawrence d’Arabia.
L’attore è morto dopo un attacco di cuore che lo aveva colpito ieri pomeriggio in un ospedale della capitale egiziana, così come confermato dal suo agente Steve Kenis. Sempre quest’anno, a Sharif era stato diagnosticato il morbo di Alzheimer.
Tra i film più famosi della sua carriera, Funny Girl di William Wyler (interpretato con Barbra Streisand, che per un periodo è stata anche la sua compagna), Il seme del tamarindo di Blake Edwards, L’oro di Mackenna, Mayerling.
Molto noto anche in Italia (Sharif parlava italiano, oltre che francese, inglese, arabo, turco e greco), ha recitato tra l’altro anche in C’era una volta…, diretto da Francesco Rosi. Era tornato particolarmente in auge poco più di dieci anni fa, con il film Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano, grazie al quale aveva vinto anche un César come migliore attore e il premio del pubblico al Festival di Venezia. Lo stesso anno, Sharif era stato premiato con il Leone d’Oro alla carriera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Dolce Vita di Federico Fellini: a Hollywood si prepara il remake. Chi saranno i nuovi protagonisti?

prev
Articolo Successivo

Mostra del cinema di Venezia 2015, apertura a 8848 metri di altitudine con ‘Everest’

next