È morto a 83 anni al Cairo l’attore egiziano di origine libanese Omar Sharif. Uno dei volti più amati di Hollywood tra gli anni Sessanta e Settanta, Sharif deve la sua notorietà ad alcuni ruoli rimasti nella storia del cinema mondiale, dal Dottor Zivago (tratto dal romanzo di Pasternak) a Sherif Ali in Lawrence d’Arabia, al fianco di Peter O’Toole. Proprio questi due capolavori cinematografici gli avevano permesso di vincere altrettanti Golden Globe, anche se l’Oscar non è mai arrivato, nonostante una nomination per Lawrence d’Arabia.
L’attore è morto dopo un attacco di cuore che lo aveva colpito ieri pomeriggio in un ospedale della capitale egiziana, così come confermato dal suo agente Steve Kenis. Sempre quest’anno, a Sharif era stato diagnosticato il morbo di Alzheimer.
Tra i film più famosi della sua carriera, Funny Girl di William Wyler (interpretato con Barbra Streisand, che per un periodo è stata anche la sua compagna), Il seme del tamarindo di Blake Edwards, L’oro di Mackenna, Mayerling.
Molto noto anche in Italia (Sharif parlava italiano, oltre che francese, inglese, arabo, turco e greco), ha recitato tra l’altro anche in C’era una volta…, diretto da Francesco Rosi. Era tornato particolarmente in auge poco più di dieci anni fa, con il film Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano, grazie al quale aveva vinto anche un César come migliore attore e il premio del pubblico al Festival di Venezia. Lo stesso anno, Sharif era stato premiato con il Leone d’Oro alla carriera.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Dolce Vita di Federico Fellini: a Hollywood si prepara il remake. Chi saranno i nuovi protagonisti?

next
Articolo Successivo

Mostra del cinema di Venezia 2015, apertura a 8848 metri di altitudine con ‘Everest’

next