Le donne che nominano Dio durante il sesso andrebbero messe in galera, questo è il pensiero del pastore della chiesa di Cornerstone a San Antonio, in Texas, John Hagee. “In un mondo in cui siamo circondati da crimini e morti, non si presta attenzione a un semplice atto di blasfemia”, ha spiegato al Newslo sottolineando che oggi “la gente commette peccati continuamente”. Le sue dichiarazioni si ricollegano al secondo comandamento che cita “Non nominare il nome di Dio invano”.

“Non c’è peccato più grande dell’usare il nome di Dio durante il sesso. Questo è uno degli usi più sporchi, più sprezzanti e peccaminosi del nome del Signore che mi vengono in mente. Se fosse per me, metterei ogni singola donna o una ragazza che lo fa in carcere. Questo sarebbe un buon esempio della terribile punizione che deriva dal nominare il buon nome di Dio invano”. Il pastore ha puntato il dito esclusivamente contro le donne che commettono l’atto incriminato, senza far nessuno accenno agli uomini che potrebbero ugualmente commettere lo stesso peccato durante un atto sessuale.

Hagee ha frequentato la Trinity University, dove si è laureato prima di prendere il master alla North Texas State University. Ha inoltre studiato al Sud Bible College e ha ottenuto il dottorato onorario alla Oral Roberts University. Attraverso i suoi libri e le diverse apparizioni televisive, Hagee ha guadagnato un’ampia visibilità e influenza tra gli evangelici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“12 anni schiavo”, la pronipote di Solomon: “La strage di Charleston? Ci riporta indietro agli anni Cinquanta”

prev
Articolo Successivo

Milo Coretti, il vincitore del Grande Fratello a processo per truffa all’assicurazione

next