Che il Grande Fratello, nella grande maggioranza dei casi, abbia dati ai suoi protagonisti una fama assai effimera è cosa nota da tempo. Per fortuna, però, qualcuno di loro può contare su qualche sporadico guaio giudiziario per tornare sui giornali. Scherzi a parte, stavolta sotto la lente della magistratura è finito Milo Coretti, 37 anni, vincitore dell’edizione 2007 del padre di tutti i reality, la stessa edizione che aveva sfornato anche Melita Toniolo, Andrea Spadoni, Guendalina Canessa, Alessandro Tersigni e Francesco Testi.

Secondo la procura di Roma, Coretti avrebbe provato a fare la “cresta” di 21 mila euro ai danni dell’assicurazione, dopo il furto della sua automobile, una Audi A5 appena comprata. Il pm imputa all’ex inquilino della casa del Grande Fratello di aver gonfiato di18mila euro il prezzo di acquisto, girando poi la falsa fattura all’Allianz, la compagnia di assicurazione che avrebbe dovuto rimborsare il furto.

Coretti aveva pagato l’Audi 46.900 euro, salvo poi dichiarare una cifra di 65mila euro al momento della denuncia del furto. E proprio la compagnia assicurativa, accortasi della discrepanza tra valore dichiarato e di mercato, lo ha denunciato all’autorità giudiziaria, facendo partire l’inchiesta. La sentenza è prevista per il 13 novembre prossimo. Intanto, però, Coretti è stato “nominato”. Dai giudici e non dai coinquilini, ma quello è un dettaglio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nominare Dio durante il sesso? Le donne che lo fanno meritano la galera. Così parlò il pastore di Cornerstone

prev
Articolo Successivo

Milano, con il Peter Pan ‘rivive’ il parco Lambro: “Eventi musicali, letterari, cinematografici e una ristorazione a km 0”

next