Due potenti esplosioni si sono verificate questa sera vicino a due hotel, lo Sheraton (ribattezzato Cristal Hotel) e il Babil, nel centro di Baghdad. Lo riferiscono i media locali. Secondo le fonti le esplosioni sarebbero state causate da due autobombe. Almeno 10 persone sono rimaste uccise e altre 27 ferite.

In queste ore la confusione regna totale. Secondo i media locali le deflagrazioni si sono verificate poco prima della mezzanotte locale. Le prime immagini postate sui social media da alcuni testimoni, hanno mostrato fumo e fiamme provenire dal quartiere dove si trovano i due alberghi a cinque stelle. L’area ospita anche gli uffici di molti media stranieri e numerosi locali molto frequentati a quell’ora. In altre fotografie si vedono invece delle macchine carbonizzate, gente che corre e strade divelte.

E’ ancora presto per tracciare un bilancio preciso di quanto è accaduto. Secondo una prima ricostruzione la prima esplosione si sarebbe verificata nel parcheggio del Babil, uccidendo sei persone e ferendone 14. Circa un minuto dopo una seconda deflagrazione ha investito il parcheggio dello Sheraton con un bilancio di 4 morti e 13 feriti. Le vittime al momento non sono state identificate.
Nessuna rivendicazione è arrivata per ora, e gli inquirenti non escludono alcuna ipotesi. Da settimane su Baghdad grava la minaccia degli jihadisti dell’Isis che dopo avere conquistato larghe regioni del Paese hanno giurato di volere marciare sulla capitale irachena e conquistarla. Ma oltre al pericolo dei tagliagole del Califfo, Baghdad è da mesi teatro di violentissimi scontri interconfessionali tra sunniti e sciiti.

Non è la prima volta che gli attentati a Baghdad prendono di mira gli hotel a cinque stelle della capitale. Il più recente in ordine di tempo è quello avvenuto nel gennaio del 2010 con una trentina di vittime quando tre kamikaze alla guida di altrettante autobomba, innescarono diversi esplosivi nei pressi degli hotel Ishtar Sheraton, Palestine, Babel e Hamra. Nell’ottobre del 2004 un altro attentato con almeno tre potenti esplosioni scosse il centro di Baghdad e due razzi furono sparati contro lo Sheraton, poi andato in fiamme.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brasile: Laura Boldrini tra i bambini di ‘Para Ti’

next
Articolo Successivo

Brasile, deputato sorpreso mentre guardava video porno su smartphone

next